Direttore: Aldo Varano    

CZ. Svolto l'incontro “Catanzaro: città di cultura?! Apertura o Chiusura???”

CZ. Svolto l'incontro “Catanzaro: città di cultura?! Apertura o Chiusura???”
ReP
Si è  svolto giovedì  pomeriggio nella sala conferenze Erredue Comunication  l’incontro ­dibattito promosso dal critico d’arte Giuseppe Grisolia e dall’artista catanzarese, Giorgio Alfieri,  dal   tema  “Catanzaro:  città   di   cultura?!   ­  Apertura  o  Chiusura???”.  Un  dibattito vivace e stimolante, a tratti provocatorio, aperto dalle relazioni del critico d’arte Grisolia e dall’intervento del professor Tommaso Cozzitorto. Entrambi hanno regalato ai numerosi presenti  una visione completa e genuina di quella che è la situazione catanzarese sul piano della cultura, intesa come valorizzazione del patrimonio umano e artistico presente sul territorio. Nel capoluogo, infatti, sono tanti e diversi i contenitori culturali che, spesso, non vengono utilizzati in maniera tale da poter produrre effettive e concrete conseguenze sul piano sociale ed economico della città. Una situazione che non permette alla città di crescere e valorizzarsi sotto un profilo importante come quello della cultura, unico vero ascensore sociale, unico vero strumento di sponsorizzazione dei territori. L’obiettivo, secondo quanto emerso, nel corso dei due interventi è quello di rendere Catanzaro una città creativa e intelligente, capace di produrre, sviluppo occupazionale ma anche sociale, innalzando di fatto, la possibilità di fruizione dei luoghi, rendendoli usufruibili al massimo e stimolando al loro interno quelli che possono essere i fattori di crescita e di cambiamento. In tal senso, è importante valorizzare il passato per far rendere al meglio il presente nell’ottica di una cultura che sappia parlare alla gente, capace di coinvolgere in maniera attiva tutte le realtà presenti sul territorio. Di particolare effetto la poesia edita dall’artista Giorgio Alfieri e letta in chiusura di serata. Una composizione dedicata in senso lato alla città di Catanzaro, affascinante dal punto di vista letterario per la capacità di arrivare dritta alle emozioni di chi ascolta, perché schietta e perfettamente in linea con una visione critica e nostalgica del capoluogo. Al termine degli interventi, come sempre, è stato dato spazio alle parole del pubblico: passaggio che ha arricchito ancor di più lo stimolante dibattito sul futuro di svolta, si spera imminente, della città capoluogo.