Direttore: Aldo Varano    

CANTONE (anticorruzione( Roma non è una città mafiosa

CANTONE (anticorruzione( Roma non è una città mafiosa
L'inchiesta della procura di Roma su Mafia Capitale ha dimostrato "un sistema di
incancrenimento profondo in alcuni uffici", tale che "non immaginavo": lo ha
detto il presidente dell'Anac Raffaele Cantone, e oltre a settori piu' noti come
quello dei rifiuti, questo incancrenimento "riguarda anche settori che si
ritenevano meno toccati come i settori collegati all'assistenza". Cantone,
durante una conferenza stampa, ha sottolineato che "un'intercettazione come
quella 'sui rom e sugli immigrati ci si guadagna piu' che con la droga'
indigna". "Noi - ha aggiunto - sulla logica dell'emergenza abbiamo consentito
che si creassero meccanismi fragili alle infiltrazioni di ogni sorta. Tutto
questo e' un grande campanello di allarme: mai piu' emergenza", ha scanditoil
presidente dell'Anticorruzione. L'indagine ha evidenziato una mafia romana,
autoctona ma Cantone si dice d'accordo con il prefetto Pecoraro: "Roma non e'
una citta' mafiosa". Se - ha spiegato - anche le norme sullo scioglimento dei
comuni per mafia, in teoria, a livello interpretativo, si possono applicare ed
estendersi ai reati di corruzione contestati, per Cantone, "occorre provare il
livello di infiltrazione nell'amministrazione, occorre provare un coinvolgimento
e un'infiltrazione ampia", infatti di norma si aplcia ai piccoli comuni e - ha
ricordato - "solo in un caso e' avvenuto per un capoluogo, Reggio Calabria".