Direttore: Aldo Varano    

CATANZARO. Sanità, a rischio Epatologia di Meter domini?

CATANZARO. Sanità, a rischio Epatologia di Meter domini?
E' l'unico reparto di Epatologia esistente in Calabria; eppure, a fronte dei risultati positivi ottenuti in tanti anni di attivita', l'unita' operativa rischia di essere cancellata dall'oggi al domani per fare posto ad una nuova Gastroenterologia, a direzione universitaria. Potrebbe chiudersi cosi' - ed e' quello che temono i pazienti e le loro famiglie - l'esperienza ormai consolidata dell'Epatologia a direzione ospedaliera dell'azienda Mater Domini di Catanzaro, da molti indicata come un fiore all'occhiello della sanita' nel capoluogo e in Calabria. A sancire il possibile stop delle attivita' - sorte condivisa con la Cardiologia riabilitativa, altra struttura pubblica a
direzione ospedaliera la cui soppressione determinerebbe un ulteriore vuoto a livello provinciale - sarebbero i contenuti della bozza di protocollo d'intesa tra Regione e Universita'.
 
Nel documento di riorganizzazione ospedaliera, discusso recentemente nell'ambito di una riunione convocata dal sub commissario Andrea Urbani al Dipartimento della salute - come denunciato recentemente dalla Cisl Medici - viene stabilita infatti la cancellazione dell'Epatologia di Germaneto. Il pericolo reale, insomma, e' quello di dover dare l'addio ad una realta' clinica che, in tanti anni di attivita', ha dato risposte ai bisogni
reali di una vasta utenza, non solo catanzarese. Oggetto di tagli nella dotazione dei posti letto gia' in passato, il reparto ha continuato comunque, non senza difficolta', a fornire cure e assistenza a tanti pazienti con
patologie epatiche. L'unita', inoltre, si e' caratterizzata, nel tempo, come punto di riferimento per i trapianti di fegato grazie alla Convenzione tra Regione e Policlinico Umberto I di Roma e che ha consentito l'esecuzione di
interventi di trapianti d'organo. E' infatti proprio nella struttura all'ottavo piano del Policlinico di Germaneto che si svolge il lavoro di assistenza e preparazione dei pazienti in lista d'attesa che sono seguiti fino all'esecuzione dell'intervento nella Capitale. In cio' conseguendo risparmi e la possibilita' di limitare allo stretto necessario i cosiddetti "viaggi della speranza".
 
E ancora: l'Epatologia del Mater Domini e' da tempo annoverata tra i primi centri prescrittori di terapia per epatite C in Italia. Tutto questo, pero', potrebbe essere presto messo in discussione. A confermarlo e' proprio l'allarme della Cisl medici. "Appare evidente - si sostiene in una nota del sindacato - che l'utilizzo della didattica come grimaldello per la proliferazione di strutture complesse e delle corrispondenti posizioni apicali con cui si prefigura un diffuso processo di clinicizzazione, con diseconomiche duplicazioni delle funzioni, sembra piu' basato su logiche 'interne' universitarie che su principi di efficienza, efficacia ed economicita'. Nessuno mette in discussione il ruolo dell'Universita' e l'assunto che la formazione del medico e ricerca clinica non possono essere disgiunte dalla pratica assistenziale, ma occorre chiarire quanta e quale sia l'assistenza necessaria allo svolgimento ottimale delle suddette attivita' in risposta a bisogni reali al fine di uscire da ogni equivoco e manipolazione delle regole da parte degli organismi regionali, aziendali ed universitari".