Direttore: Aldo Varano    

Musolino (FI) su nomina De Gaetano

Musolino (FI) su nomina De Gaetano

ReP

In merito all’incarico di Assessore con delega alle Infrastrutture e Trasporti ad Antonino De Gaetano, il Presidente della Giunta Regionale Oliverio, giustifica tale nomina, affermando di avere un impostazione garantista. Occorre però rilevare che tale impostazione garantista, il Presidente Oliverio, l’abbia dimenticata tre anni fa, non sentendo il bisogno di esprimere vicinanza e solidarietà, in occasione delle dimissioni da assessore comunale del Comune di Reggio Calabria dell’Avv. Luigi Tuccio, suol perché un parente dell’assessore era stato indagato. Al Presidente della Giunta Regionale Oliverio, andrebbe ricordato che tale impostazione garantista è stata altresì ignorata dal Partito in cui milita, ossia il PD, che ha votato a favore della decadenza da Senatore, del leader dell’opposizione Silvio Berlusconi. Ai comportamenti ambigui e a convenienza del P.D. tutti i Calabresi sono oramai abituati, basti pensare al Presidente della Commissione Antimafia Rosy Bindi che si è dimenticata di esprimere il suo pensiero sulla nomina dell’assessore De Gaetano, mentre in passato, si è dimostrata sempre pronta ad esternare, attaccando il centrodestra calabrese, per ogni minima vicenda giudiziaria. Due pesi e due misure utilizzati dal PD, anche nei confronti dell’ex Presidente della Giunta Regionale Scopelliti, pronti ad indignarsi e di conseguenza dimostrandosi giustizialisti, subito dopo la condanna di primo grado, salvo poi dimenticarsi di chiedere le dimissioni al Sindaco di Napoli De Magistris. A prescindere dalla nomina dell’Assessore De Gaetano, nel complesso, la Giunta Regionale è un monocolore PD. Il PD dopo aver occupato la Presidenza della Regione, la Presidenza del Consiglio Regionale, adesso occupa le principali caselle della Giunta Regionale. Siamo di fronte ad una vera e propria occupazione politica del potere, dove, fino ad adesso è rimasta esclusa la società civile che aveva condiviso il suo progetto e lo aveva sostenuto consentendogli di diventare Governatore della Regione. E’ davvero inaccettabile che la Giunta Regionale sia stata varata in modo non completo, in quanto dopo due mesi, le tante e drammatiche emergenze che attanagliano i Calabresi, devono essere immediatamente affrontate.