Direttore: Aldo Varano    

Vitaliano Papillo (Pd) su polemiche nomina giunta regionale

Vitaliano Papillo (Pd) su polemiche nomina giunta regionale
ReP

Comprendo le aspettative e le aspirazioni di cambiamento riposte dai calabresi nel nuovo governo regionale. Dopo anni di cattiva gestione e scarso rispetto dei fondamentali principi di legalità perpetrati dal centro destra, è più che logico pretendere un mutamento in Calabria, regione ferma al palo che paga anni di cattiva conduzione. Capisco anche la pretesa dei miei conterranei di essere governati da gente seria e onesta, che dia alla Calabria il volto di terra di accoglienza, produttività, giustizia sociale, meritocrazia e legalità che i cittadini vogliono. Ma mi risulta difficile intendere la mastodontica macchina del fango cui stiamo assistendo: quella verso il neo assessore Nino De Gaetano, su cui non pende alcun carico penale, né sono in corso indagini. Solo un sospetto che, plausibilmente alimentato ad arte, si scaglia contro un personaggio politico il quale si dice apposto con la coscienza e pronto a dimettersi qualora, a seguito di procedimenti a suo carico, fosse dimostrato il contrario. Procedimenti, non le questioni di lana caprina di cui, al momento, si discute, distraendo dal reale obiettivo di riferimento: provare a far ripartire questa straordinaria terra. Ciò che si sono (im) posti Mario Oliverio e la sua squadra, verso cui nutro profonda fiducia, certo che - sia pur nella consapevolezza delle enormi difficoltà, ma forti del grande consenso e consci di ciò che si aspettano i calabresi - lavoreranno in tale direzione. Lo dimostra questo primo stralcio di consiliatura: questione Lsu/Lpu, con la previsione di forme di stabilizzazione; problema rifiuti, assicurando città pulite durante le festività natalizie; riduzione degli spropositati stipendi dirigenziali; ridefinizione del sistema egli enti “in house”, uno spreco di risorse. Credo che la Calabria possa decollare, perché ne ha le potenzialità. Abbiamo una delle più belle coste dello stivale, con un turismo che può dare pane a tanti. Una montagna eccellente, capace - dall’attrezzata Sila al suggestivo Aspromonte, passando per le amene Serre, fonte d’ispirazione per santi e filosofi – di attrarre schiere di fruitori pronti ad immergersi negli spettacolari paesaggi offerti. Un capitale umano di giovani e di menti eccelse è pronto a fare per la sua terra. Dal Pollino allo stretto, in ogni singola realtà locale, custodiamo un patrimonio culturale, religioso, artistico, architettonico, ambientale, artigianale ed enogastronomico invidiato. E ci sono pure gli strumenti, se correttamente utilizzati, per far fruttare tutto ciò. La Calabria vuole ripartire. Io sto con Oliverio e la sua squadra. Bando alle ciance: cambiamo la nostra terra.


Vitaliano Papillo
Reggente segreteria Pd Vibo