Direttore: Aldo Varano    

REGGIO. FIOM CGIL aderisce alla manifestazione del 14 Febbraio sul trasporto nello Stretto

REGGIO. FIOM CGIL aderisce alla manifestazione del 14 Febbraio sul trasporto nello Stretto
La FIOM – CGIL del comprensorio Reggio Calabria-Locri aderisce e sostiene la mobilitazione del 14 Febbraio 2015, partecipando alla manifestazione di Messina, contro la volontà unilaterale e illogica di dismettere la continuità ferroviaria fra la Sicilia ed il resto d’Italia da parte di Trenitalia. Non siamo sorpresi da queste scelte decise dalle società controllate dallo stato ma che operano con la peggiore pratica assoggettata alla più cieca logica di mercato. Così con la stessa dottrina si motiva la chiusura di tantissimi sportelli postali, la dismissione di ospedali e presidi sanitari, e nel nostro settore metalmeccanico, nella nostra città, a Reggio Calabria, la svendita di un’azienda che produce materiale rotabile. Azienda non in crisi, ma anzi ad alto livello tecnologico e con commesse continue in tutto il mondo e che produce oggi Treni e Metropolitane per i cittadini comuni: le officine Omeca del gruppo AnsaldoBreda-Finmeccanica , anche queste di proprietà statale. Questo modello sociale, impostoci da entrambi gli schieramenti politici in maniera bipartisan, che ci ha impoverito, che riduce spazi di vivibilità e di democrazia, che precarizza tutti e che non da alcuna prospettiva per il futuro, non è l’unica strada per il superamento di questa crisi come ci vogliono far credere. Giorno 14 saremo in piazza tornando a manifestare contro questo ennesimo furto ai nostri danni, e contemporaneamente, in maniera ideale, non possiamo che mostrare la nostra vicinanza al coraggioso popolo Greco che ha scelto una strada diversa con grandissima dignità . Strada che ci auguriamo sia presto seguita da altri popoli in Europa per bloccare la deriva impostaci dalle lobby della finanza speculativa e dei poteri non democratici autoreferenziali. Noi siamo in prima linea nella difesa dei diritti e del lavoro equo e dignitoso, e siamo oltremodo convinti che queste battaglie si possono vincere unendo idee, movimenti, forze sociali e sindacali, per riconquistare tutti insieme diritti e democrazia .