Direttore: Aldo Varano    

LOCRI (RC). Cisl FP su incidente avvenuto all' Ospedale

LOCRI (RC). Cisl FP su incidente avvenuto all' Ospedale

ReP

La CISL FP ha vissuto con molta preoccupazione l’incidente avvenuto nei giorni scorsi nell'Ospedale di Locri per il guasto ad uno degli ascensori che ha rischiato di trasformarsi in una vera e propria tragedia. Per fortuna la vittima può raccontare l'accaduto e questo è tanto, si aspetta l'esito delle indagini in corso per capire a chi imputarne la responsabilità. Bisogna analizzare e valutare i fatti prima di giudicare, definire le situazioni prima di intervenire e soprattutto capire le cause per poter prevenire il verificarsi di episodi del genere. La responsabilità di un Sindacato come la CISL FP non si consuma dopo le reazioni iraconde dei primi momenti, comprensibili ma poco utili alla soluzione vera e propria del caso, la vera preoccupazione è che subito dopo l'evento tutto si dimentica. Non può dimenticarsi invece che Unità Operative di Emergenza Urgenza sono impropriamente ubicate al quinto piano, che non ci si è prodigati a riattivare l'altro ascensore per assicurare l'accesso al pubblico che deve recarsi agli ambulatori di Cardiologia , situati al quarto piano sottoponendo i pazienti ad un’incauta “prova da sforzo” per il raggiungimento degli stessi ambulatori. Altra dimenticanza riguarda il fatto che nello stesso livello esistono ulteriori ambulatori ad alti volumi di accesso come quello di Diabetologia, Reumatologia ecc., che ancora più in alto vi è quello di Dermatologia e Geriatria, che al terzo piano c'è l’accoglienza dell'utenza esterna bisognevole di cure e controlli oncologici, di Angiologia, di Broncopneumologia. Al secondo piano si versa un cospicuo e costante flusso verso l'Ambulatorio di Allergologia, anch'esso accessibile dalle sole scale. Purtroppo però non possiamo dimenticare che oggi non c’è alcun ascensore che possa permettere al pubblico di raggiungere questi servizi, poiché i tre vetusti ascensori rimanenti sono giustamente sotto chiave e ad uso esclusivo dei ricoverati e delle urgenze. L'ascensore del quale ancora non si conosce il guasto verificatosi, era l'unico dedicato all'accesso esterno e al personale dipendente, l'altro da qualche anno funziona a singhiozzo ma in sostanza quasi mai. Diverse sono state le segnalazioni da parte della CISL FP per gli interventi necessari al ripristino degli elevatori ma in assenza di incidenti, disagi e disguidi evitabili, non si riesce in una cultura tipicamente nostrana a prendere sul serio segnalazioni finalizzate a garantire il buon andamento. Si spera, a questo punto che ci si renda conto che le strutture di emergenza o di accesso diretto dall'esterno non possono dipendere da questi ausili. La CISL FP in modo concreto, responsabile ed autorevole porterà avanti queste problematiche e nell’attesa che abbiano esito i controlli da parte dell'autorità preposta, esprime la propria vicinanza e solidarietà alla vittima dello spiacevole episodio che è un Dirigente della scrivente Organizzazione Sindacale, augurandole di poter lasciare al più presto l'Ospedale, guarire e “non dimenticare” l'accaduto perchè la CISL non dimentica mai ciò che nuoce e che soprattutto potrebbe accadere ad altri, così come non dimentica le provvisorietà sulle quali ci si adagia e i disagi che quotidianamente subiscono gli Utenti e i Lavoratori.