Direttore: Aldo Varano    

Adriana Musella resta al timone del Coordinamento nazionale antimafia Riferimenti

Adriana Musella resta al timone del Coordinamento nazionale antimafia Riferimenti

ReP
Rientrano le annunciate di issioni di Adriana Musella dalla Presidenza del Coordinamento antimafia Riferimenti.
La decisione fa seguito alla riunione di un'assemblea straordinaria convocata nei giorni scorsi a Roma dove sono state respinte unanimamente le dimissioni della Presidente.
Non poco hanno influito nella decisione le prese di posizione dei referenti regionali che hanno minacciato di dimettersi in massa se Adriana Musella avesse lasciato l'associazione.
Il coordinamento nazionale antimafia Riferimenti e ' stato fondato dal magistrato Antonino Caponnetto nel 1995 proseguendo l'azione di sensibilizzazione sul territorio nazionale iniziata nel 1993 con i Circoli Societa' civile che la stessa Musella aveva fondato in Calabria e Sicilia.Adriana Musella assume la presidenza del Coordinamento alla morte di Caponnetto nel 2002.A lei si deve nel 1992 la nascita del fiore si bolo della resistenza antimafia: La gerbera gialla .
Musella aveva annunciato le proprie dimissioni nel corso di una conferenza stampa ,il 27 gennaio u.s in contrasto con la metodologia e le scelte della politica calabrese dichiarando di essere demotivata a condurre ulteriormente la propria battaglia visto i, perdurare della Questione morale .C'e' da rilevare che proprio alla Calabria Adriana Musella ha dedicato le energie migliori portando avanti da 22 anni la sua battaglia contro la sopraffazione mafiosa.Non ha mai voluto lasciare la Trincea calarese ,terra dove suo padre e' stato fatto saltare in aria ,Lei che calabrese non e' ,e' rimasta e ha sfidato la 'ndrangheta,dedicando la propria vita alla sensibilizzazione e alla formazione,facendone la base del proprio impegno.
Vive sotto scorta per le minacce ricevute dal potente clan Mancuso nelle cui case ha progettato l'Universita' dell'Antimafia.

"Le mie dimissioni,ha dichiarato Adriana Musella non volevano essere una resa ,certamente non abbandonero' mai l'antimafia che per me costituisce un sentimento.In alcuni momenti c'e' bisogno di gesti forti e il mio lo e' stato.
Avevo deciso di lasciare il timone dell'associazione in preda alla delusione e alla stanchezza ,per dare un segnale e,credo ci sia riuscita.Al momento resto al mio posto anche se,prima o poi il Coordinamento dovra' camminare con le proprie gambe.Per la Calabria ho delegato la guida di gran parte delle attivita'.Ancora non so se per quest'anno avra' luogo a Reggio Calabria la consueta giornata della Gerbera.In ogni modo ,l'impegno continua ."

AM