Direttore: Aldo Varano    

CALABRIA. Greco (Oliv. Pr.) su "Fondazione calabresi nel mondo": "andare oltre Galati"

CALABRIA. Greco (Oliv. Pr.) su "Fondazione calabresi nel mondo": "andare oltre Galati"

Rep

“Quanto emerso dall’analisi dei conti della Fondazione calabresi nel mondo lascia sbigottiti. Megastipendi, contratti di collaborazione e decine di assunzioni fino a cifre folli. La Fcnm ha gestito tre progetti finanziati dal Fondo sociale europeo per un totale di 5,1 milioni di euro, ma non sembra affatto che la progettazione abbia avuto effetti rilevanti sulla nostra regione. Vorremmo sapere quali sono stati i risultati che questa fondazione ha ottenuto dal 2009 per il processo di internazionalizzazione delle imprese calabresi, per gli scambi interculturali e per la valorizzazione delle eccellenze locali. Oltretutto – continua Greco - c’è il rischio concreto che i 4 milioni di euro finanziati dal Dipartimento lavoro e Politiche Sociali siano stati sprecati per pagare stipendi da capogiro a dirigenti della Fondazione e che l’Unione Europea non possa accettarne, giustamente, la rendicontazione. Se ciò dovesse avvenire i 4 milioni di euro che erano stati anticipati dalla Regione Calabria andrebbero a pesare sul bilancio regionale e, di conseguenza, sulle tasche dei contribuenti. E’ una vera e propria offesa ai tanti calabresi che in tutto il mondo si spendono con grande professionalità e impegno per dare lustro alla nostra terra. E’ oltremodo offensivo che imprenditori, professionisti e ricercatori calabresi, che ogni giorno investono tempo e denaro sull’internazionalizzazione, vedano questo scempio commesso da un ente in house della Regione. E’ indispensabile andare oltre la gestione Galati, riprogrammando gli obiettivi e le modalità d’intervento della Fondazione per il processo d’internazionalizzazione di cui la Calabria ha bisogno. E’ necessario – conclude Greco – che chi ha gestito fino ad ora la Fondazione fornisca un report al presidente Oliverio sui progetti realizzati e che si individuino delle precise responsabilità sulle modalità con cui sono state spese ingenti risorse.”