Direttore: Aldo Varano    

ROSSANO (CS). Ammodernamento 106, si riuniscono i Sindaci

ROSSANO (CS). Ammodernamento 106, si riuniscono i Sindaci
Politiche per il territorio, prosegue il percorso unitario intrapreso dai comuni del Basso Jonio cosentino, della Sila Greca e dell’Area urbana Corigliano-Rossano per rivendicare il diritto alla mobilità del comprensorio. Dopo l’approvazione della delibera consiliare, condivisa da quindici comuni, per chiedere all’Unione europea, ad Anas SpA, al Ministero delle Infrastrutture e alla Regione Calabria, la riattivazione dell’iter progettuale per l’avvio dei lavori di ammodernamento della Statale 106 (Megalotti 8 e 9), è necessario promuovere ed esigere l’apertura di un confronto istituzionale, che renda concreto e non più prorogabile l’avvio di un’opera strategica per lo sviluppo dell’area ionica. Dando seguito al cammino intrapreso nell’estate scorsa, il sindaco Giuseppe Antoniotti, promotore insieme all’Associazione “Basta vittime sulla strada Statale 106” di un’azione sinergica territoriale, ha convocato per Giovedì, 5 Marzo 2015, alle ore 10.30 presso la Sala Giunta del Palazzo di Città, nel Centro storico, il secondo tavolo tecnico permanente dei sindaci, sull’ammodernamento della Statale 106.Bisogna porre freno – dichiara Antoniotti – al processo di spoliazione del sistema dei trasporti della Calabria ionica. Così come ho ribadito nei giorni scorsi, intervenendo nel proficuo dibattito riguardo all’arretratezza in cui versa il sistema del trasporto pubblico locale, è necessario che ci sia, innanzitutto, una forte presa di coscienza da parte del Governo regionale affinché si affrontino con coraggio e risolutezza tutte quelle questioniche, ad oggi, sopprimono il diritto alla mobilità dei cittadini di questo territorio. Per fare questo e nel merito dell’ammodernamento della Statale 106, serve un’azione corale ed autorevole di tutti i territori. Con l’intento di giungere, nell’arco di breve tempo, a riavviare l’iter progettuale esecutivo dei Megalotti 8 e 9 Sibari-Mandatoriccio e Mandatoriccio-Crotone. C’è la fondata preoccupazione, infatti, che con la realizzazione del Megalotto 3 dnell’Alto Jonio e del raccordo stradale Statale 106 – Autostrada A3 si possa definitivamente chiudere il ciclo di investimenti su questo territorio, isolando il vasto comprensorio del basso Jonio, della Sila Greca, dell’alto crotonese e dell’Area urbana Corigliano-Rossano dalla rete stradale principale nazionale. Lo stato comatoso in cui versa la Statale 106, soprattutto nel tratto che attraversa e riunisce i nostri comuni, continua ad essere la causa principale di tragedie e drammi umani a cui bisogna porre fine oltre che ad accentuare ogni giorno di più la marginalizzazione economica e sociale di questo territorio. Ai colleghi sindaci – prosegue Antoniotti – chiederò, pertanto, di raffrontarci in prima istanza con il governo regionale e successivamente di invitare il Ministro alle Infrastrutture ad sopralluogo sul territorio, da tenersi entro la prossima primavera.