Direttore: Aldo Varano    

CASTIGLIONE COSENTINO. Oggi giornata della memoria in ricordo delle vittime della 'ndragheta

CASTIGLIONE COSENTINO. Oggi giornata della memoria in ricordo delle vittime della 'ndragheta
rep 

Parlate della mafia. Parlatene sui giornali, alla radio, in televisione, però parlatene. Paolo Borsellino ripeteva spesso queste parole, incoraggiando a mantenere viva l’attenzione sui fenomeni criminali e a non rassegnarsi alla presenza sul territorio delle organizzazioni malavitose. La ‘ndrangheta è alimentata dall’indifferenza e dall’assuefazione all’illegalità che rafforzano una mentalità favorevole alle logiche mafiose. Per questo, oltre all’attività dei magistrati e delle forze dell’ordine che ogni giorno sono in prima linea nella lotta alle cosche, è necessaria un’opera di antimafia sociale, fondata sulla cultura, sulla formazione, sul lavoro. E sul ricordo. Seguendo queste direttrici l’Associazione Più di Cento il 20 marzo renderà omaggio a tutte le vittime innocenti di ‘ndrangheta nel corso di una cerimonia solenne ospitata nel Frantoio dei Saperi di Castiglione Cosentino. «Saranno presenti tra gli altri – informa Salvatore Magarò, promotore dell’iniziativa – il Prefetto di Cosenza Gianfranco Tomao, il magistrato Eugenio Facciolla, il docente universitario Giap Parini e Alessio Cassano, presidente dell’associazione antiracket “Lucio Ferrami”. Ascolteremo inoltre le testimonianze di Marisa Garofalo, sorella di Lea Garofalo giovane testimone di giustizia assassinata per il suo coraggio, e di Maria Avolio, vedova dell’imprenditore Lucio Ferrami ucciso per aver denunciato i propri estorsori». L’Associazione Più di Cento proseguirà così la significativa esperienza inaugurata nel 2012 dalla Commissione regionale contro la ‘ndrangheta ed ispirata alla Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie, organizzata da Libera su scala nazionale.