Direttore: Aldo Varano    

REGGIO. L'Istituto per la Famiglia sez. "Perri" plaude alla mozione Ripepi. "la Gender Theory è pericolosa"

REGGIO. L'Istituto per la Famiglia sez. "Perri" plaude alla mozione Ripepi. "la Gender Theory è pericolosa"
 

rep

Un ringraziamento al Consigliere Comunale di Reggio Calabria  Massimo Ripepi che con la scintilla della sua mozione, approvata alla quasi unanimità, sulla “Tutela della Famiglia Naturale” ha propagato, come un’onda d’urto, la sentita necessità di esprimere, ancora liberamente!, opinioni su tale delicato e vasto argomento in seno alle molteplici Associazioni e Gruppi che operano a tutela della famiglia. Noi dell’Istituto Per la Famiglia sezione Gilberto Perri, intervenendo agli incontri e convegni organizzati dall’Associazione Scienza e Vita, Ass. della Famiglia e la Manif  Pour tous  abbiamo preso atto dell’altissima pericolosità della divulgazione e tentata introduzione della “Gender Theory” soprattutto in ambito scolastico. Tale nuova normativa, se approvata (come già in tanti paesi europei!), sconvolgerà, più che l’identità di genere autodefinito, su cui si punta, la vera identità individuale  psico- fisica dell’essere come” genere umano” , ripudiando le radici di un’Europa Ebraico Cristiana. Pertanto, come già predetto, l’argomento visto nei suoi aspetti socio pedagogici più pericolosi necessita di chiara e attenta esposizione per essere conosciuto da tutti, soprattutto delle famiglie! Allora esortiamo e ci esortiamo a promuovere incontri e confronti con tutta quanta la popolazione affinchè ci sia presa di coscienza di tali nuovi metodi educativi per poter esprimere la propria volontà nell’accettare o meno tale sottile “dittatura” che, come tutte le stesse del passato, ha sempre cercato di promuoversi e insinuarsi partendo dalla volonta’ di controllo delle menti e da una pseudo educazione degli individui piu’ piccoli: i bambini, menti candide da plasmare…

        

Paola ROSCHETTI 

Responsabile Politiche per la Famiglia 

Istituto per la Famiglia Sezione “Gilberto Perri”