Direttore: Aldo Varano    

AMANTEA (CS). Morelli: "la messa in sicurezza del fiume Torbido è un esempio tangibile di buona politica"

AMANTEA (CS). Morelli: "la messa in sicurezza del fiume Torbido è un esempio tangibile di buona politica"

ReP

«L’interessamento da parte della Regione Calabria sulla messa in sicurezza degli argini del fiume Torbido e degli interventi tampone sulla Ss 18, in attesa dell’avvio del piano di ripascimento costiero, testimonia oltre ogni ragionevole dubbio l’attenzione della classe politica verso i problemi del territorio». Il presidente del consiglio comunale Linda Morelli ha mostrato la propria soddisfazione per gli stanziamenti che il governatore Mario Oliverio e l’assessore ai lavori pubblici Antonino De Gaetano hanno messo a disposizione per risolvere due emergenze, in una area – quella a cavallo tra Campora San Giovanni e Nocera Terinese, tra le province di Cosenza e Catanzaro – che mostra ancora evidenti ferite. Complessivamente sono stati erogati 480 mila euro per la sistemazione degli argini del Torbido e 100 mila euro per la litorale tirrenica. «Troppe volte – spiega il presidente del consiglio comunale nepetino Linda Morelli – la classe dirigente è rimasta in silenzio rispetto alle esigenze delle famiglie e dei lavoratori che contribuiscono alla crescita sociale e civile della comunità. Questa volta ciò non è accaduto. Nelle scorse settimane, insieme ai tecnici degli enti coinvolti ed all’assessore all’urbanistica ed alla viabilità Gianluca Cannata, abbiamo effettuato un sopralluogo dettagliato della zona, rendendoci immediatamente conto dei problemi che da li a qualche tempo si sarebbero potuti verificare senza un pronto intervento delle istituzioni. Del resto è questo il servizio che la politica è chiamata a rendere al territorio. Soprattutto per il fiume Torbido era necessario non perdere tempo. Le pessime condizioni meteo delle ultime settimane hanno alzato il livello delle acque ed una porzione rilevante di argine situato nei pressi del ponte ferroviario è stato letteralmente inghiottito dall’acqua. L’apertura di un tavolo tecnico, al quale si sono seduti i referenti dell'Anas, delle Ferrovie dello Stato, delle Province di Catanzaro e Cosenza e del comune di Amantea, ha agevolato le cose ed in tempi strettissimi sono state finanziate le somme necessarie. Un merito che va condiviso anche con il consigliere provinciale Franco Iacucci che ha favorito l’instaurarsi di uno spirito collaborativo finalizzato alla risoluzione del problema».