Direttore: Aldo Varano    

REGGIO. Il presidente Raffa su emergenza immigrati: "la solidarietà deve essere vera e condivisa"

REGGIO. Il presidente Raffa su emergenza immigrati: "la solidarietà deve essere vera e condivisa"
 ReP

“Il modello di solidarietà sull’accoglienza agli immigrati imposto al Paese dal Governo di Matteo Renzi rischia di creare nuove e più accentuate forme di  povertà nel  Mezzogiorno, soprattutto in Calabria, regione alle prese  con l’emarginazione e il sottosviluppo”.  Lo afferma il presidente della Provincia di Reggio Calabria.  Sul tema, Giuseppe Raffa ricorda  che “ in questa parte geografica della Penisola la crisi economica nega ai cittadini  finanche il diritto al soddisfacimento di quei bisogni elementari sanciti  dalla Costituzione. Alla povertà dei suoi abitanti, i nuovi sbarchi aggiungono altre forme di indigenza in una sorta  di coabitazione forzata  tra disperati.  Tolleranza e solidarietà, valori genetici della civiltà magnogreca, fino ad oggi hanno agevolato la convivenza tra persone diverse per cultura e religione. La previsione dello sbarco di altre  decine di migliaia d’immigrati – dice ancora Raffa - provoca il timore di un collasso al sistema dell’accoglienza e l’ esigenza di far ricorso a strutture pubbliche, come le scuole e gli impianti sportivi (già precari ed oggi ridotti al collasso), costringendo la popolazione residente a ulteriori disagi e nuovi sacrifici. La stessa rete ospedaliera e le strutture sanitarie, sempre più interessate alla strategia del rientro dal debito,  saranno sottoposti a spese aggiuntive  per l’assistenza a quanti prima della fuga in Europa vivevano in territori dalle precarie  condizioni igienico  - sanitarie.  Difficile che i comuni, già duramente provati dai continui tagli ai trasferimenti statali, possano far fronte a nuove spese, soprattutto perché i loro bilanci, sempre più in rosso, riescono appena a garantire i servizi essenziali. La Calabria e il reggino, tra l’indifferenza della classe politica nazionale, continuano ad essere sempre più lontani dall’Europa. Tutto ciò – sempre secondo il Presidente -  non sembra preoccupare élites  di potere, impegnate come sono a trovare aree di parcheggio  in Calabria per  quei disperati   che, attratti dal modello occidentale,  si riversano sulle nostre coste. La solidarietà è una cosa, ma i sacrifici imposti alle nostre comunità dall’impotenza o  dall’incapacità del Governo  centrale di farsi ascoltare in Europa,  sono tutt’altro. Il momento è difficile perché il dilatarsi dei confini della solidarietà potrebbe avere ripercussioni sulla democrazia e, ovviamente, sullo stato sociale  che deve fare i conti con il capitalismo finanziario e la subalternità di stati e governi  ai mercati e alle borse. Finiamola con le ipocrisie: non basta parlare di accoglienza quando, nei fatti, rimaniamo vittime dei nostri egoismi  e dell’impossibilità di gestire un sistema tarato per affrontare  emergenze meno drammatiche dall’attuale.  Ed ancora : “I nuovi sbarchi creerebbero  grossissime difficoltà economiche e organizzative a piccoli e grandi comuni. Ritengo, pertanto, che le decisioni su quest’emergenza senza fine  debbano diventare, innanzitutto, materia di  concertazione  tra i sindaci, gli altri enti locali territoriali e la prefettura,  quindi  condivise proporzionalmente per limitare disagi alle popolazioni meno abbienti. Per l’ospitalità, ad esempio, potrebbero essere utilizzati i beni confiscati alla criminalità organizzata o quelle strutture pubbliche  che al momento  sono chiuse o prive di destinazione. E penso, anche, a fondi statati, immediatamente disponibili, da trasferire ai comuni per affrontare l’emergenza,  liberando così i bilanci degli enti da qualsiasi, anche se temporaneo, gravame”. “La politica dell’accoglienza – termina  il Presidente dell’Ente intermedio  -  non può essere improvvisata, soprattutto perché l’emergenza dura ormai da tanti anni.  Il governo in carica,  che non riesce a farsi ascoltare dai partner europei, appare  incapace di varare un piano nazionale in grado di garantire sicurezza ai territori e dignità  a quanti  sbarcano sulle nostre coste per poi raggiungere il cuore del Vecchio continente. L’Europa delle banche, così come  il nostro Premier,  dovrebbero ricordare quanto scriveva  Montesquieu più di due secoli fa: “Qualche elemosina  fatta  a un uomo nudo per  le strade non basta  ad adempiere gli obblighi dello Stato il quale deve a tutti i cittadini  la sussistenza assicurata, il nutrimento, un abbigliamento decente , e un genere di vita che non sia  dannoso alla salute. Questo ovviamente riguarda anche chi, provvisoriamente,  dimora sul territorio italiano”.