Direttore: Aldo Varano    

REGGIO. Domani l'Anassilaos promuove l'incontro "Un altro mondo, altri mondi: viaggio nella letteratura fantastica"

REGGIO. Domani l'Anassilaos promuove l'incontro "Un altro mondo, altri mondi: viaggio nella letteratura fantastica"
 

Di letteratura fantastica si parlerà sabato 13 giugno alle ore 18,00 presso la Sala di San Giorgio nel corso di un incontro promosso dalla Sezione Giovanile dell’Associazione Culturale Anassilaos dal tema “Un altro Mondo, altri Mondi: viaggio nella letteratura fantastica”, relatore  Pietro Rossetti, Anassilaos Giovani, studente di archeologia e appassionato di Letteratura Fantastica, che percorrerà la storia del genere Fantastico, dai primi autori dell’antichità (Luciano di Samosata, Lucio Apuleio) fino al fantasy contemporaneo (Lord Dunseny, J. R. R. Tolkien, Terry Pratchett), passando anche attraverso la letteratura italiana (Giovanni Boccaccio, Torquato Tasso) e autori che, nonostante siano conosciuti più per le loro produzioni di genere horror, hanno saputo travalicare il confine della meraviglia per descrivere con la loro penna altri Mondi (H. P. Lovecraft, Stephen King, Clive Barker). A introdurre l’incontro sarà Tito Tropea, Presidente Anassilaos Giovani. “Compagni” di questo viaggio saranno invece i poeti del Lunedì della Poesia dell’Anassilaos (Nanni Barbaro, Domenica Licastro, Giacomo Marcianò, Carlo Menga, Fatima Ranieri, Daniela Scuncia), a cui è affidata la lettura di brani scelti. Un altro Mondo, altri Mondi: è questa l’espressione che può riassumere al meglio l’esperienza di chiunque abbia sfogliato un racconto o un romanzo di genere fantastico. Ma cos’è il Fantastico? Una semplice evasione dalle noia della quotidianità o una fuga dalla realtà? O magari è un viaggio a briglia sciolta nell’immaginario e nella fantasia dell’uomo? A queste tre domande una risposta affermativa può non essere sufficiente, perché racconti e romanzi sono già di per sé opere frutto dell’immaginazione di autori e scrittori, finzioni romanzate atte a raccontare uno spaccato della nostra realtà. Il Fantastico va oltre, è ciò che trasfigura il nostro Mondo in un altro Mondo: magia e creature esistenti solo nei miti e nel folklore di ogni cultura umana che irrompono con prepotenza nella nostra realtà, tra l’incredulità e lo stupore dei protagonisti e, di rimando, dei lettori. Il Fantastico ci rapisce dal nostro Mondo per condurci in altri Mondi: scrittori che si improvvisano divinità e creano dal nulla continenti, culture, razze e lingue che si agitano nello spazio di migliaia di righe di inchiostro, frementi nell’attesa di accogliere il lettore che si avventura fra le pagine dei libri che li ospitano. Un altro Mondo, altri Mondi: un insolito punto di vista che ci consente di capire meglio il nostro, di Mondo. In Italia a lungo si è avuto un forte pregiudizio nei confronti della letteratura fantastica, così come per ogni letteratura “di genere” (horror, fantascienza…), e solo di recente è nato l’interesse da parte di lettori e intellettuali: infatti la trilogia cinematografica del Signore degli Anelli, tratta dall’omonimo capolavoro di John R. R. Tolkien, così come anche la saga del mago Harry Potter e, in ambito televisivo, la serie Game of Thrones, hanno avvicinato il pubblico italiano a un genere che a lungo è stato marchiato come infantile, soprattutto per la sua estrema vicinanza al genere della Fiaba.