Direttore: Aldo Varano    

CALABRIA. Forza Italia unita nel sostegno al referendum sulla revisione dello Statuto

CALABRIA. Forza Italia unita nel sostegno al referendum sulla revisione dello Statuto
 Forza Italia è unita nel sostegno al referendum sulla revisione dello Statuto regionale. E’ quanto è emerso nel corso della riunione tenuta questo pomeriggio nella sede del partito a Lamezia Terme. Alla riunione hanno preso parte la coordinatrice regionale Jole Santelli, i vice coordinatori Wanda Ferro, Giuseppe Galati e Roberto Occhiuto, i consiglieri regionali Francesco Cannizzaro, Giuseppe Graziano, Giuseppe Mangialavori, Ennio Morrone, Alessandro Nicolò, Fausto Orsomarso, Domenico Tallini. Assente per impegni personali Nazzareno Salerno. Gli otto consiglieri regionali hanno sottoscritto la richiesta di referendum. Forza Italia ritiene infatti che le modifiche allo Statuto regionale volute dal centrosinistra non hanno l’obiettivo di rendere più snella la macchina regionale, ma servono soltanto a consentire al governatore Oliverio di risolvere i problemi della sua maggioranza distribuendo incarichi e posizioni di potere che comporteranno soltanto ulteriori costi per i cittadini. Dovranno essere i calabresi ad esprimersi attraverso una consultazione popolare, per dire se sono d’accordo che Oliverio possa nominare sette assessori esterni al consiglio regionale e assegnare deleghe ai consiglieri della sua maggioranza nelle deleghe più svariate per aumentare surrettiziamente il numero degli assessori, seppure di secondo livello. E’ stato chiesto ai tre capigruppo di approfondire aspetti tecnici relativi all’espletamento e alla validità del referendum.   
Nel corso della riunione sono stati commentati in maniera estremamente positiva i risultati dei ballottaggi nei comuni di Lamezia Terme e Gioia Tauro, con l’affermazione di Paolo Mascaro e Giuseppe Pedà, sostenuti da Forza Italia. Dati che segnano una sconfitta per il governo Oliverio, che a sei mesi dal suo insediamento è ancora impantanato in una situazione di totale immobilismo, e premiano il centrodestra che si è presentato unito ritrovando la fiducia del proprio elettorato.