Direttore: Aldo Varano    

NDR. Cocaina. 600 kg sequestrari, 44 arresti e raffineria scoperta inCalabria

NDR. Cocaina. 600 kg sequestrari, 44 arresti e raffineria scoperta inCalabria
Oltre 600 chili di cocaina purissima sequestrata, due agenti del Ros infiltrati e una raffineria scoperta nelle campagne vibonesi. Sono questi i numeri dell'operazione "Overing" condotta dalla Dda di Catanzaro e dal Ros dei carabinieri scattata questa mattina con l'arresto di 44 persone (25 in carcere, 16 ai domiciliari e 3 con obbligo di dimora) in tutta Italia, ma anche in Austria, Germania e Spagna. Non e' invece stato possibile la contestuale notifica del provvedimento agli 8 indagati residenti in Colombia, visto che in quel Paese la legislazione subordina l'estradizione al rinvio a giudizio. I particolari dell'inchiesta sono stati resi noti durante una conferenza stampa cui hanno partecipato il procuratore Vincenzo Antonio Lombardo, l'aggiunto Giovanni Bombardieri, il colonnello del comando provinciale di Vibo Valentia Daniele Scardecchia, i due ufficiali del Ros Francesco De Lellis e Giovanni Migliavacca. Le indagini, avviate dall'allora pm Salvatore Curcio e proseguite dal sostituto Camillo Falvo, hanno consentito di svelare l'esistenza di una complessa organizzazione transazionale dedita al traffico di cocaina proveniente dal Sudamerica e trasportata in Calabria per essere poi smistata nel resto d'Italia.    
  
L'inchiesta ha avuto inizio dopo un primo contatto tra affiliati al clan Mancuso di Limbadi e un gruppo di fornitori colombiani in cerca di un compratore per un grosso carico di cocaina. In particolare l'organizzazione sudamericana cercava una ditta italiana disposta ad acquistare un carico legale dove nascondere lo stupefacente. E' qui che si inserisce il Ros che grazie a due agenti sottocopertura crea una societa' fittizia, la "Ligure servizi", che avrebbe dovuto agevolare lo sdoganamento della droga ed eludere cosi' i controlli della polizia. Gli agenti "undercover" sono cosi' riusciti a entrare in contatto con gli emissari del cartello colombiano venuti in Italia per definire le operazioni di trasferimento della cocaina. Ben 500 chili nascosti nei rotoli di pvc