Direttore: Aldo Varano    

No TRIVELLE. Si allarega il fronte ora sono contro 6 regioni

No TRIVELLE. Si allarega il fronte ora sono contro 6 regioni
Si allarga il fronte No Triv e scende in campo la task force delle Regioni. In sei, Abruzzo, Molise, Marche, Puglia, Calabria e Basilicata, in un summit a Termoli, hanno deciso di fare fronte comune chiedendo di essere ascoltate. Intanto prende forma una sorta di macroregione Adriatico-Ionica contro le trivelle in mare: attualmente, secondo i dati del Forum H2o, solo per Abruzzo e Molise, sono quattro le istanze di permesso di ricerca in mare. Per ora la linea e' quella morbida, quella del dialogo. Ma se il loro grido d'allarme dovesse cadere nel vuoto le Regioni sono pronte anche al muro contro muro, quello che porta al referendum. Sanno di avere la maggior parte dei cittadini dalla loro parte, hanno ribadito oggi. Le due manifestazioni contro le trivelle, a Pescara nel 2013 e a Lanciano quest'anno, hanno visto una partecipazione complessiva di centomila persone. Per un'ora e mezza governatori e assessori si sono confrontati nella cittadina molisana al centro dell'Adriatico e alla fine si sono trovati tutti d'accordo: "contrarieta' unanime", annunciando per la prossima settimana, il 29 luglio, un primo incontro con il Governo, mentre il coordinamento appositamente costituito si riunira' poi il 18 settembre a Bari durante la Fiera del Levante. Priorita' al dialogo, appunto, e alla ricerca di un accordo, hanno detto i governatori, ma se il Governo non dovesse ascoltare la linea cambiera'. Lo ha ribadito chiaramente il presidente pugliese, Michele Emiliano. "C'e' la possibilita' che la mia Regione e le altre partecipino alla raccolta delle firme per il referendum che potrebbe anche portare all'abolizione dello Sblocca Italia". Mentre il governatore del Molise Paolo Di Laura Frattura sottolinea la "condivisione piena tra le Regioni, confermando la nostra contrarieta' all'ipotesi di scempio che potrebbe verificarsi sul mare Adriatico e sul mare Ionio", l'abruzzese Luciano D'Alfonso evidenzia i rischi che si verrebbero a creare per il turismo: "Noi vogliamo che il nostro mare sia la piu' importante attrazione del territorio". Per il governatore della Basilicata Marcello Pittella, invece, occorre cambiare le leggi: "C'e' bisogno di mettere mano alla normativa nazionale", suggerisce. Tutti insieme poi i governatori sottolineano la portata internazionale del tema. "Nel corso della riunione - affermano - e' stata messa in evidenza, in un'ottica di difesa globale delle coste adriatiche e ioniche, l'importanza della partecipazione dell'europarlamentare Ivan Jakovcic a testimonianza dell'attenzione transnazionale che il tema delle trivellazioni in mare richiama". L'intenzione ora e' anche quello di allargare il fronte della protesta ad altri territori, come Campania ed Emilia Romagna. Da quest'ultima regione, oggi assente, pero' frenano sostenendo che non era Termoli la sede corretta per affrontare la questione, ma la Conferenza della Regioni: "L'Emilia Romagna non si e' mai sfilata da alcun confronto - fa sapere l'assessore all'Ambiente Paola Gazzolo -, anzi saremmo ben contenti di farlo, nelle sedi giuste".