Direttore: Aldo Varano    

COTRONEI (KR). Il Comune chiede la gestione diretta del servizio idrico integrato

COTRONEI (KR). Il Comune chiede la gestione diretta del servizio idrico integrato

In una nota inviata alla Soakro Spa, al Dipartimento regionale Lavori Pubblici e per conoscenza al Prefetto di Crotone Vincenzo De Vivo, il sindaco di Cotronei Nicola Belcastro chiede di ricondurre al Comune la gestione diretta del servizio idrico integrato.

«La Soakro spa – si legge nella nota - ha manifestato l’impossibilità di continuare a “svolgere il Servizio idrico integrato”, a causa delle gravi difficoltà economiche in cui versa». Ha inoltre minacciato «che a far data dal 1° agosto restituirà “le reti e gli impianti affidati in concessione diretta, unitamente al personale...e trasferirà i ruoli ed i dati necessari a riscuotere le tariffe degli utenti...” all’Ente regionale unico che ha sostituito l’Autorità d’ambito provinciale».

In seguito alla comunicazione di Soakro, «il signor Prefetto di Crotone – prosegue la nota a firma di Belcastro – ha sollecitato la massima attenzione alla problematica in esame, e l’attivazione di “ogni provvedimento finalizzato a garantire il diritto alla piena fruizione da parte della collettività del bene primario acqua... ed affinché sia scongiurato il rischio di interruzione del servizio di depurazione...”».

«Ciò premesso – continua la nota - il sottoscritto sindaco, anche in considerazione del fatto che il servizio gestito finora dalla società Soakro non ha risposto alle esigenze della popolazione né in termini di efficienza e né di efficacia, e considerata l’importanza del bene primario “acqua” ...., al fine di scongiurare gravi problemi igienico-sanitari, evidenzia la possibilità di subentrare nella gestione del servizio idrico integrato al comune di Cotronei, anche in maniera provvisoria». «Tale subentro – conclude la nota a firma di Belcastro - potrà avere effetto immediatamente dopo la data di approvazione del bilancio di previsione per l’anno 2015 del Comune e risentirà delle disposizioni normative conseguenti al riordino del sistema, attualmente oggetto di determinazione da parte del Consiglio Regionale».

«La nostra proposta – commenta il primo cittadino – non va contro il principio di gestione consortile del servizio idrico integrato, e non vuole collocarsi contro le indicazioni che vengono dal Dipartimento regionale competente, ma nasce dall’esigenza concreta di avere un servizio più efficiente e rispondere così alle necessità ed ai diritti dei cittadini. Le peculiarità che vi sono nel comune di Cotronei consentono di poter assumere tale impegno di gestione del servizio idrico, garantendo un livello qualitativo ed efficiente dello stesso».