Direttore: Aldo Varano    

REGGIO.Sequestro gazebo via Marina Alta, Falcomatà: "inadempienti da anni"

REGGIO.Sequestro gazebo via Marina Alta, Falcomatà: "inadempienti da anni"
 

ReP

Nella giornata odierna, la Polizia Municipale ha provveduto a notificare il sequestro dei gazebo di cinque esercizi commerciali, i quali non pagavano da anni le tasse di occupazione del suolo pubblico per i gazebo installati sulla cosiddetta “Via Marina Alta”. L’agire dell’Amministrazione si fonda sull’assoluta necessità del rispetto delle regole, a tutela di tutti quei cittadini che queste stesse regole le rispettano" -ha sottolineato il Sindaco  Falcomatà-  "Sarebbe un’offesa a chi vive quotidianamente nella legalità e che, con difficoltà estrema, a causa di un piano di riequilibrio che ci costringe a tenere le aliquote al massimo per colpa di chi negli anni si è distinto per sperpero di denaro pubblico a danno dei cittadini, paga regolarmente i tributi comunali. Non siamo “sceriffi”, ma vogliamo che tutti i cittadini siano trattati allo stesso modo. Gli stessi esercizi commerciali morosi, che prima di ricevere i provvedimenti odierni erano stati più volte invitati bonariamente alla regolarizzazione delle loro posizioni, erano già stati negli anni scorsi ammessi alla rateizzazione dei debiti. Di detta rateizzazione sono state saldate solo un paio delle rate previste. Solo a fronte di questo macroscopico inadempimento, che si protrae da oltre due anni, l’Amministrazione Comunale, non potendo più attendere oltre, è stata costretta a disporre il sequestro dei gazebo insistenti sul Lungomare Matteotti e nei pressi di questo. 

Alcuni di essi, risultano inadempienti addirittura dal 2012. Il totale delle somme arretrate dovute al Comune ammonta a oltre 300 mila euro.

Nelle prossime ore i tecnici comunali e i rappresentanti legali dei proprietari degli esercizi commerciali, si incontreranno per provare ad individuare una possibile soluzione più adatta a garantirne la riapertura, sempre e tassativamente nel pieno rispetto della legalità e della trasparenza. Il nostro lavoro quotidiano è volto ad affermare un principio fondamentale: stare dalla parte della legalità conviene.