Direttore: Aldo Varano    

IMBALZANO (AP) su Zes di Gioia Tauro: "non servono inutili doppioni"

IMBALZANO (AP) su Zes di Gioia Tauro: "non servono inutili doppioni"
 

“Qualcuno dovrà spiegare ai calabresi e alla stessa Commissione Industria del Senato il senso vero della riproposizione da parte della Giunta Oliverio di una ulteriore proposta di legge al Parlamento per l’istituzione della Z.E.S. nel distretto logistico – industriale della Piana di Gioia Tauro che contiene il solo, serio rischio di allungare all’infinito l’iter parlamentare dell’analoga proposta di legge approvata dal Consiglio regionale della Calabria nella scorsa legislatura e ancora impaludata presso la 10ª Commissione dell’assemblea di palazzo Madama, divenuta bipartisan dopo altrettanta iniziativa legislativa della deputata democrat Covello”.

 

E’ quanto afferma Candeloro Imbalzano, già presidente della Commissione Bilancio, Attività Produttive e Fondi Comunitari del Consiglio regionale della Calabria e relatore di quel provvedimento.

 

“Sprecata la grande chance del semestre di Presidenza Italiana, durante il quale il premier Renzi avrebbe potuto superare eventuali ostacoli con interventi mirati a Bruxelles, ci ritroviamo ancora oggi con una legge già incardinata da due anni e rispetto alla quale il governo italiano avrebbe potuto e dovuto avviare il procedimento per la notifica del progetto di legge presso la Commissione europea, al fine di farne valutare l’ammissibilità preventiva in relazione alla normativa comunitaria sugli aiuti di Stato, pertanto agevolando i lavori del Parlamento italiano per l’approvazione della legge nazionale”, continua Candeloro Imbalzano.

 

“Sarebbe stato più utile – a nostro giudizio – sollecitare e richiedere , una volta acquisito il consenso politico del governo Renzi, ancora tutto da verificare presso la competente Commissione in Senato, un’audizione della Regione Calabria nella persona dell’assessore Francesco Russo, supportandola con una relazione tecnica aggiornata, attesa la sua incontestabile competenza, senza mettere in discussione il lavoro parlamentare già svolto e con il rischio di apparire come i soliti inconcludenti calabresi”, aggiunge ancora Candeloro Imbalzano.

 

“Mi auguro, pertanto, che il Consiglio regionale della Calabria - nella seduta che dovrà occuparsi della proposta approvata in questi giorni in II° Commissione, ma che, in verità, aveva all’unanimità già varato, nella seduta del 29 maggio 2013, il provvedimento amministrativo n. 228/9^ di iniziativa della Giunta regionale del tempo su proposta dell’allora Assessore alle Attività Produttive Antonio Caridi (recante la proposta di legge per l’istituzione della Z.E.S.) - tenga conto del lavoro già svolto e frutto dell’impegno sinergico tra Regione Calabria e I.C.E. (Istituto per il Commercio Estero), adoperandosi per accelerare l’iter in corso ed evitando di esporsi alle inevitabili e severe considerazioni dei parlamentari chiamati ad esaminare simili proposte”, conclude Candeloro Imbalzano.