Direttore: Aldo Varano    

GENTILE (Ncd) su sentenza Consiglio di Stato : “ In Calabria ci vuole giustizia , troppa gente rimasta fuori con requisiti “

GENTILE (Ncd) su sentenza Consiglio di Stato : “ In Calabria ci vuole giustizia , troppa gente rimasta fuori con requisiti “
 

 

 

La sentenza del Consiglio di Stato che ha retrocesso oltre novecento dipendenti con categoria D va esaminata senza demagogia. Una soluzione regionale è impossibile, semmai è possibile qualcosa a livello nazionale, ma la riflessione deve riguardare gli errori commessi in questo ventennio dalla Regione.  

Lo afferma il sen Antonio Gentile , coordinatore regionale Ncd.

 

La Regione Calabria, come ha segnalato il Mef- dice Gentile- comprende, insieme al Consiglio regionale, decine di posizioni di personale assunto senza concorso .

 

Si tratta di atti compiuti contro la legge che hanno escludo migliaia, anzi decine di migliaia di persone che non hanno potuto nemmeno partecipare . Gentile cita anche “ la decisione della precedente Giunta, su iniziativa del dipartimento risorse umane, di far scorrere la graduatoria dei dirigenti nonostante fosse stato violato il Patto di stabilità: ora questi dirigenti lavorano, ma chi può dire loro che sono illegittimi e che potrebbe arrivare un’altra sentenza a breve ?”

 

Noi parliamo il linguaggio della verità- continua Gentile – non quello della demagogia : la realtà è che in Calabria se ne sono infischiati della relazione del MEF e oggi iniziano a piangerne le conseguenze

 

L’assessore al personale, Antonio Viscomi- aggiunge il senatore – è persona seria e preparata , ma la situazione è complessa. I due enti regionali si guardano bene , ancora, dal rimuovere il personale senza titolo, che sta li pensando di avere diritti che invece non ha

 

Se non si interverrà radicalmente ora –conclude Gentile- domani potremmo essere travolti da una valanga .