Direttore: Aldo Varano    

DIENI (M5s) su Aeroporto dello Stretto: "Porcino come Schettino: non ci mancherà"

DIENI (M5s) su Aeroporto dello Stretto: "Porcino come Schettino: non ci mancherà"
 
                                                                              
  

“Carlo Alberto Porcino è come il comandante Schettino: prima ha provocato l’affondamento dell’Aeroporto e ora lascia la nave e l’equipaggio al suo destino, prima di venire travolto dalle onde.” Usa questa metafora la deputata del Movimento 5 Stelle reggino Federica Dieni per commentare l’addio del dimissionario presidente della Sogas.

 

“Carlo Porcino non ci mancherà, così come non ci mancherà questo consiglio di amministrazione che ha portato l’Aeroporto sull’orlo del baratro. Il presidente della provincia di Reggio Calabria Giuseppe Raffa si straccia le vesti per questo abbandono, dichiaranto che addirittura Porcino avrebbe dato fastidio per gli interessi da lui toccati, scontentando gli altri attori istituzionali, Comune in primis. Sostiene chenessun politico guiderà la società se la provincia sarà ancor il socio di maggioranza. Eppure Porcino è espressione della politica e non sembra davvero abbia creato dei risultati esaltanti. Il rischio della chiusura della Sogas per mano dell’Ente Nazionale Aviazione Civile è noto, ma, oltreché sul bilancio, non sono noti neppure risultati positivi sul servizio. I passeggeri, che nel 2012 erano 570 mila, nel 2014 sono diventati 517 mila. L’Aeroporto dello Stretto di Reggio è al 26° posto in Italia ed ha perso posizioni. I vettori sono diminuiti e cala il numero di voli. Ultimo eclatante caso è stato il ridimensionamento della presenza di Alitalia. L’unico problema, secondo Raffa e Porcino, è l’alto numero di dipendenti impiegati, come se questi incidessero su questo tipo di performaces. Non comprendo quindi sotto quale aspetto sarebbero così esaltanti i risultati portati dal management e per quale motivo dovremmo rimpiangerlo. Io, da utente dell’aeroporto, certamente non lo farò.”

 

“L’augurio” continua la deputata calabrese “ è che la gestione possa cambiare e possano essere fatte per davvero scelte che non abbiano a che vedere con la politica del clientelismo tanto in auge a Reggio. Ma se Raffa difende Porcino come amministratore, davvero c’è ben poco da sperare. Per inciso: speriamo di non vedere Porcino a breve in qualche altra partecipata: sarebbe davvero uno spettacolo indecoroso.”