Direttore: Aldo Varano    

COSENZA. Forciniti (ACI): "bene Regione sui trasporti"

COSENZA. Forciniti (ACI): "bene Regione sui trasporti"
 

   

Accogliamo con grande soddisfazione l’annuncio, da parte dell’assessore Musmanno, di un piano di razionalizzazione dei trasporti, che rappresenta un momento cruciale per la vita dei cittadini calabresi.Lo afferma Giovanni Forciniti, Presidente dell’ACI Cosenza, e già assessore provinciale ai trasporti. Diamo atto alla giunta- prosegue Forciniti- di avere imboccato la strada giusta, che è quella della razionalizzazione dei servizi per favorire una mobilità sistemica e intermodale che consenta finalmente di poter attuare una sinergia fra tutti i sistemi operativi. Ci sono criticità storiche che la Giunta vuole affrontare- continua la nota- attraverso un unico bacino extraurbano indispensabile per creare un’armonia nell’offerta complessiva. Se pensiamo, per esempio, ai 24 milioni di euro del traporto gommato, spesi in provincia di Cosenza, ci accorgiamo che tredici milioni, quindi più del 50%, riguardano l’area urbana del capoluogo, con una discrasia evidente nei confronti delle aree interne e una penalizzazione dei collegamenti in chiave di ottimizzazione.Anche il trasporto ferrato- continua Forciniti- deve trovare delle risposte diverse da parte di Trenitalia, considerando che la Calabria paga 80 milioni di euro annue a fronte di servizi insufficienti e lacunosi, di infrastrutturazioni obsolete e in alcuni casi inesistenti. L’intenzione dell’Esecutivo è di intervenire su queste aree, creando una complementarizzazione che sarà indispensabile per generare effetti positivi su tutta la road map calabrese, evitando una dispersione che ancora oggi (figlia del passato) non garantisce equilibrio e servizi sufficientemente validi.

 

Un sistema integrato dei trasporti favorisce la mobilità sostenibile -prosegue Forciniti- e consente un'interazione dinamica a tutti i centri interni, con benefici indubbi per la popolazione. Nel dibattito che si svilupperà in Consiglio-conclude Forciniti- potranno sorgere contributi migliorativi su un tema che è fondamentale per il futuro dei calabresi