Direttore: Aldo Varano    

COSENZA. Coordinamento FI: "Santelli decida o sarà sfiducia"

COSENZA. Coordinamento FI: "Santelli decida o sarà sfiducia"
 Ancora nessuna decisione sulla designazione del nuovo coordinatore provinciale di Forza Italia. Nonostante l’appello lanciato ad inizio settimana dai Consiglieri regionali Ennio Morrone e Giuseppe Graziano e successivamente ripreso anche dal coordinatore provinciale dei club di Forza Italia, Davide Bruno, nel procedere ad una nomina in base ai criteri adottati per i coordinamenti di Catanzaro e Vibo Valentia, affidati rispettivamente ai consiglieri Mimmo Tallini e Giuseppe Mangialavori, ancora il coordinatore regionale, On. Jole Santelli, sembra non aver sciolto le riserve.   

È una situazione di stallo preoccupante – ribadiscono oggi Morrone e Graziano – che ingessa le attività politiche di un partito che sia a Cosenza che in Provincia è caratterizzato da un grande fermento di idee e consensi ed è in procinto di avviare una nuova e lungimirante programmazione in vista delle ormai imminenti consultazioni elettorali locali. Non capiamo quali siano le remore dell’On. Santelli! Alla quale abbiamo lanciato l’invito, del tutto legittimo, di nominare il nuovo coordinatore provinciale seguendo la linea adottata a Catanzaro e Vibo. E quindi, quella di indicare la figura provinciale apicale all’interno della rosa dei nomi dei rappresentati in seno al Consiglio regionale. Sembrerebbe – scandiscono i due Consiglieri regionali - la scelta più logica, anche per dare maggiore valore all’elettorato che, nell’individuare i suoi rappresentati, ha dato anche fiducia e sostanza numerica, oltre che politica, al movimento. L’auspicio è che la Santelli sciolga presto le sue riserve e che non ci siano sorprese dell’ultim’ora che, di fatto, sovvertirebbero la filosofia di una rappresentanza attiva da sempre punto di forza del Partito. Diversamente – annunciano Morrone e Graziano - ci vedremo costretti, nostro malgrado, ad avviare un’azione di sfiducia nei confronti dell’attuale coordinatore regionale, non escludendo nemmeno azioni più eclatanti e maggiormente significative di rottura – concludono - in vista delle prossime consultazioni elettorali per il rinnovo del Consiglio comunale della Città di Cosenza.