Direttore: Aldo Varano    

REGGIO. Salvezza Atam, Gatto: "dalle macerie si può risorgere"

REGGIO. Salvezza Atam, Gatto: "dalle macerie si può risorgere"

ReP

"Non posso che gioire per la decisione dell’Ufficio di Procura di revocare l’istanza di fallimento di Atam.Si tratta, infatti, di un traguardo che pochi, solo qualche anno addietro, consideravano praticabile, stante la situazione di decozione dell’Azienda. Ho perseguito fortemente il salvataggio di Atam, perché ho considerato mio dovere dare una speranza a tante famiglie e piccole aziende il cui destino è fortemente legato a quello di Atam. Ma anche per contribuire a dimostrare che dalle macerie si può risorgere . Per poter alimentare la fiducia che Reggio può ambire ad una nuova “Primavera”. Un risultato che offro alla comunità reggina e per il quale ogni Istituzione coinvolta, come in un gioco di squadra ha svolto al meglio la propria parte : l’Ufficio di Procura, il cui stimolo ha consentito anche di “forzare” alcune incrostazioni e qualche “perimetro” corporativo”; il Sindaco Falcomatà e la Sua Amministrazione che hanno accordato il vitale rifinanziamento di Atam; la Regione per il riconoscimento dei crediti pregressi e soprattutto i lavoratori Atam per il senso di responsabilità e di appartenenza dimostrati. E che rappresentano la migliore garanzia per un futuro dell’Azienda all’insegna della qualità e della sostenibilità.

Un doveroso ringraziamento va, quindi, ai sindacalisti protagonisti della maratona che si è conclusa con   l’accordo di solidarietà, ai collaboratori interni dell’azienda, al Collegio Sindacale e ai miei due “angeli custodi”: l’Ing Matteo Gatto , responsabile del monitoraggio per l’attuazione del Piano di Risanamento e l’Avv. Giuseppe Mazzotta, la cui competenza e maestria diplomatica nel condurre le trattative sindacali sono state fondamentali per il raggiungimento del felice risultato odierno.

Concluso il primo tempo di questa stimolante avventura, il mio impegno prioritario ora è quello del potenziamento della flotta aziendale per poter rispondere adeguatamente alle esigenze degli utenti, soprattutto dei più deboli e bisognosi. Incamminandoci, tutti , verso obiettivi di qualità che devono somigliare il più possibile alle buone pratiche perseguite mediamente dalle migliori aziende europee. Nella consapevolezza che ancora una volta afflato etico, senso del legame comunitario e alta professionalità potranno fare la differenza.."

Prof. Antonino Gatto Amministratore Unico Atam