Direttore: Aldo Varano    

Le gemelle Scarpari pronte a rappresentare l'Italia allo Junior Eurovision Song Contest

Le gemelle Scarpari pronte a rappresentare l'Italia allo Junior Eurovision Song Contest
 

 Mancano pochi giorni al grande appuntamento con la finale del Junior Eurovision Song Contest che si svolgerà in Bulgaria, sabato 21 novembre, e che verrà trasmessa anche in Italia, in diretta, a partire dalle 19 e 20 sul canale RAI Gulp (canale 42 del DTT e canale 26 del satellite). Chiara e Martina Scarpari, le gemelle calabresi selezionate per rappresentare l’Italia, hanno già chiuso la loro valigia carica di talento e responsabilità e non vedono l’ora di salire sull’aereo che le porterà a Sofia. In Bulgaria troveranno attenderle il pubblico delle grandi occasioni e una settimana intensissima fatta di prove, spettacoli, interviste e nuovi incontri. 

A quindici anni, si preparano a spiccare il volo e dopo aver stravinto, per ben due volte, lo Speciale JESC di “Ti Lascio Una Canzone”, adesso sono pronte a calcare un palco ancora più ambito e prestigioso:«Non vediamo l’ora di arrivare a Sofia – affermano all’unisono Chiara e Martina – sappiamo che c’è un sacco di gente che non vede l’ora di conoscerci, abbiamo già sentito molti italiani che vivono in Bulgaria, faranno tutti il tifo per noi. Ci sentiamo addosso una grande responsabilità ma non ci pensiamo troppo, vogliamo principalmente divertirci, facendo quello che ci piace di più e ci riesce meglio, cantando». 

Il Junior Eurovision Song Contest è la più importante vetrina europea per giovani cantanti dai 10 ai 16 anni. In gara si sfideranno i portabandiera di 16 nazioni europee e dell’Australia (invitata a partecipare come Paese extraeuropeo). Al termine delle esibizioni, ogni Paese partecipante dovrà stilare una personale classifica che sarà espressa al cinquanta percento dai voti della giuria demoscopica e al cinquanta percento dal televoto da casa (ad eccezione di Australia e San Marino dove la classifica sarà stilata esclusivamente dalla giuria), i concorrenti che avranno ricevuto più voti si aggiudicheranno la manifestazione e assegneranno alla loro Nazione di appartenenza la possibilità di organizzare la manifestazione per l’anno successivo.

  

In questa edizione, l’Italia schiera le gemelle di Varapodio Chiara e Martina Scarpari, due sorelle talento che hanno già conquistato l’affetto di molti appassionati di musica anche fuori dai confini nazionali. La loro storia musicale comincia circa cinque anni fa con i primi contest locali, i primi successi. Nel 2013 vincono la seconda edizione di “In Canto Delianuova Festival” dove conoscono Natale Princi (che diventerà il loro manager) e il maestro Christian Cosentino, per loro è la svolta: sono diamanti grezzi da trattare con cura, ma sono diamanti e se ne accorgono tutti. Un anno più tardi debuttano a “Ti lascio una canzone”, su Rai Uno. Vincono la quinta e la sesta puntata del programma e chiudono con il terzo posto assoluto. Nel frattempo pubblicano il loro primo singolo: “Sempre Insieme”.  Sono così brave che se ne accorgono anche all’estero, infatti, nell’agosto 2014 vengono selezionate per rappresentare l’Italia al New Wave Junior, in Crimea: è l’ennesimo successo. I russi si innamorano di loro e le invitano a Mosca per un grande concerto allo stadio “Olimpisky” dove si esibiscono insieme al celebre cantante spagnolo Roberto Kel Torres. Un anno dopo ritornano in Crimea come international special guest dell’edizione 2015 del New Wave Junior. 

È un’escalation di Premi, ospitate televisive e manifestazioni canore, fino a settembre 2015: una nuova avventura su Rai Uno, ancora “Ti lascio una canzone”, stavolta chi vince va all’Eurofestival dei giovani. Chiara e Martina sbaragliano la concorrenza cantando “Senza Pietà” di Anna Oxa e “Una ragione di più”, successo di Ornella Vanoni scritto nel 1969 dall’indimenticato fenomeno della musica calabrese Mino Reitano, ma non basta. Per un banale problema tecnico la produzione decide di ripetere la finalissima, Chiara e Martina vincono ancora, stavolta con quasi il settanta percento dei voti: è un tripudio, è il biglietto per il JESC.

Fuori dal palco Chiara e Martina sono due quindicenni come tante, frequentano il Liceo Classico e sognano come tutte le adolescenti. Ascoltano musica, un po’ di tutto, adorano Christina Aguilera e Marco Mengoni. Oltre al canto prendono lezioni di danza da quando avevano tre anni, è il loro primo amore. Due caratteri estremamente diversi: la prima pignola e riservata, l’altra ribelle e più emotiva, si completano a vicenda.

  

Adesso si preparano a stupire l’Europa con la loro voce e il loro feeling. In Bulgaria porteranno “Viva”, un brano scritto con la partecipazione del cantautore napoletano Gigi D’Alessio, un brano che racconta la leggerezza della loro età, i sogni e le passioni dei loro quindici anni, i primi amori e la scoperta di nuove emozioni. Ma “Viva” è anche il ricordo delle carezze di un nonno che adesso è lontano e che per primo aveva scommesso sul loro talento.

  

Al JESC le aspetta un’intera nazione pronta a tifare per loro, una sfida contro sedici grandi talenti internazionali, ma Chiara e Martina non sembrano per nulla spaventate. In Russia e Crimea hanno imparato a controllare l’emozione che può dare il palco di una grande manifestazione, si aspettano solo di divertirsi provando a divertire il pubblico di tutta Europa. Sanno benissimo che sarà una grossa responsabilità rappresentare l’Italia e anche per questo non vedono l’ora di partire per questa grande avventura.