Direttore: Aldo Varano    

CATANZARO. Sold out per lo spettacolo "Sogni e bisogni, incubi e risvegli" con Vincenzo Salemme

CATANZARO. Sold out per lo spettacolo "Sogni e bisogni, incubi e risvegli" con Vincenzo Salemme

Si va verso un doppio sold out per lo spettacolo “Sogni e bisogni, incubi e risvegli” con Vincenzo Salemme che inaugurerà il cartellone generale del Teatro Politeama di Catanzaro domani 17 e mercoledì 18 novembre. Poche decine di biglietti restano ancora a disposizione per la commedia che, forte del record di incassi al Teatro Olimpico di Roma con più di 25 mila presenze, l’attore e regista napoletano presenta così: “Ho derivato Sogni e Bisogni  dal celebre romanzo di Moravia “Io e lui”. Nel mio racconto, a differenza di quello moraviano, l’organo del sesso maschile diventa egli stesso uomo staccandosi dal corpo del suo titolare. Egli ritiene che la vita del grigio e mediocre Rocco Pellecchia mal si adatta alla grandeur del suo sottoutilizzato “tronchetto della felicità”, come ama farsi chiamare. Il “tronchetto” spinge il povero Rocco a rialzare la testa e affrontare il futuro con orgoglio e spirito visionario. Lo spettacolo di fortissimo impatto comico – continua Salemme – mi permette di aprire la confezione borghese della commedia e di intrattenermi con il pubblico in sala…”. Accanto a Salemme salirà sul palco un gruppo di ottimi comprimari tra i quali Nicola Acunzo e Domenico Aria.

 

In attesa della serata inaugurale, il sindaco e presidente della Fondazione Politeama, Sergio Abramo, sottolinea così l’importante lavoro condiviso con il management: “L’esigenza del risanamento dei conti – commenta - non ci ha impedito di assicurare alla città un’altra stagione di rilevante spessore artistico. Con un pizzico di orgoglio, posso dire che il Politeama è stato negli ultimi anni l’unico teatro pubblico della Calabria ad aprire i battenti già in ottobre e che la risposta del pubblico è stata molto positiva”. Il sovrintendente Mario Foglietti, nel presentare il primo spettacolo del cartellone, ha sottolineato che “la stagione promette bene grazie alla scelta di titoli di grande presa sul pubblico che di recente hanno registrato il tutto esaurito nei maggiori teatri italiani all’insegna del comune denominatore dell’allegria”. Infine, il direttore generale Aldo Costa ha evidenziato che “il teatro ha riconquistato la fiducia del suo e si appresta a celebrare la quattordicesima stagione con una continuità ed un livello di programmazione riscontrabile solo in poche altre strutture del meridione”.