Direttore: Aldo Varano    

SCULCO (CiR) sul diritto allo studio

SCULCO (CiR) sul diritto allo studio

ReP

“Non ho presentato, pur essendo pronta a farlo dopo aver chiesto che la Regione inserisca la questione tra le sue priorità, l’ordine del giorno sul diritto allo studio, perché ho condiviso l’emendamento opportunamente predisposto (in fase di discussione dell’assestamento di bilancio) dal collega Baldo Esposito che, però, l’ha ritirato dopo aver avuto assicurazioni che nel bilancio di previsione saranno inserite le somme necessarie. Sono anche io sicura - afferma la consigliera regionale di Calabria in Rete Flora Sculco - come sottolinea il presidente Fondazione Università Magna Graecia Arturo Pujia, che il vicepresidente della Regione prof. Antonio Viscomi ha ben chiara ed è pienamente consapevole dell’urgenza e dell’importanza di garantire a migliaia di giovani la possibilità di affrontare il percorso universitario. Per quanto mi riguarda, non mancherò di dare il mio doveroso apporto. Questa vicenda - aggiunge Flora Sculco - prende avvio dai dati pubblicati dal Ministero (diffusi dalla stampa) da cui si è constatato che solo il 40% degli studenti calabresi riesce ad avere i benefici previsti dalla legge regionale che istituisce il fondo per il diritto allo studio universitario a fronte di un crescente calo delle iscrizioni universitarie con percentuali da capogiro nell'ateneo di Reggio Calabria che ha perso negli ultimi quattro anni il 40% degli iscritti”. Conclude la consigliera regionale: “Debbo riconoscere che dinanzi ad un problema come questo, una volta segnalato, si sono riscontrate in Calabria le sensibilità giuste, sia dei docenti che degli studenti nonché di consiglieri di maggioranza e di opposizione ed ora con il contributo di tutti, ad incominciare da quello importante dell’assessore al Bilancio prof. Viscomi, si procederà ad implementare adeguatamente il fondo istituito con apposita legge regionale al fine di consentire pari opportunità di accesso agli studi universitari degli studenti calabresi”.