Direttore: Aldo Varano    

Reggio Città Aperta: trasparenza e partecipazione con la nuova piattaforma

Reggio Città Aperta: trasparenza e partecipazione con la nuova piattaforma
 

 

   

La manifestazione Reggio Città Aperta si è aperta con l’autorevole intervento di Celeste Costantino Parlamentare e componente della Commissione Antimafia alla Camera dei Deputati che si è detta contenta di partecipare alla manifestazione, sorpresa per la bellezza del Castello Aragonese da poco riaperto al pubblico e si è complimentata per la velocità con cui l'Amministrazione ha aperto i dati. «La piattaforma open data per il Comune di Reggio Calabria rappresenta un importante strumento di partecipazione per cittadini ed operatori dell’informazione - ha dichiarato il sindaco Giuseppe Falcomatà in una nota inviata per il convegno di apertura della manifestazione Reggio Città Aperta - è importante alimentare le sinergie istituzionali avviate per dare modo ai cittadini di acquisire le opportunità offerte dalla pubblica amministrazione per colmare il divario digitale che ancora caratterizza ampie fasce della popolazione. Il nostro obiettivo deve viaggiare su due binari: da una parte lo sviluppo delle infrastrutture che sono lo strumento essenziale per la digitalizzazione della macchina amministrativa, dall’altra la promozione e la diffusione della cultura digitale che diventa essenziale per un corretto sviluppo dei processi democratici». Mauro Nicastri Dirigente Agid che è intervenuto all’apertura della manifestazione Reggio Città Aperta, ha affermato: «l’agenzia per l’Italia digitale è  impegnata da tempo sui temi della trasparenza e dell’anticorruzione e nell’ultimo anno ha creato il portale “amministrazione trasparente http://trasparenza.agid.gov.it/(PAT)”, iscritto al catalogo dei programmi riusabili e attualmente utilizzato dal Ministero Infrastrutture e trasporti, dal Garante per la Privacy, dall’ENAC, dall’ACI e da  numerosi comuni.La semplicità di utilizzo di questo portale, che non richiede specifiche competenze tecniche, permette agli enti pubblici di parlare un’unica lingua e rende i cittadini protagonisti  dell’attività amministrativa». A riguardo ha dichiarato Mauro Nicastri «Agid è molto sensibile ad iniziative come quella organizzata oggi dal Comune di Reggio Calabria, perché dà la possibilità ai cittadini di partecipare e confrontarsi sulle opportunità che possono offrire le tecnologie come nel caso della piattaforma opendata che verrà illustrata dall’Assessore Smart City Agata Quattrone, a dimostrazione che  questa Amministrazione comunale ha come obiettivo primario quello di mettere il cittadino al centro dell’azione pubblica e prevenire la corruzione». Agata Quattrone, assessore Smart city della città, ha espresso parole di elogio per il lavoro di tutta la squadra «l’Amministrazione Falcomatà e l’Assessorato Smart City dopo anni di buio e chiusura, vogliono costruire per la Città un vero spazio di apertura, promuovendo con la liberazione dei dati di proprietà dell’Ente, trasparenza e partecipazione con la piattaforma che oggi si inaugura  http://dati.reggiocal.it/.La conoscenza in possesso della PA diventa patrimonio per la collettività e opportunità per il settore della ricerca, delle imprese, start up, dell’innovazione e soprattutto per i giovani reggini. Sono grata alle Istituzioni che hanno aderito, ai dipendenti dell’Amministrazione in particolare dell’Assessorato Smart City, ai ragazzi di Recasi, ad AgID e ai soci dell’associazione Digital Champions e Stati Generali dell’Innovazione  e a chi con passione e condivisione dell’idea ha supportato il progetto e lo ha reso possibile a tutti i livelli.L’Amministrazione ha ricevuto numerose manifestazioni di interesse e partnership di primario livello nazionale a sostegno di tutte le fasi dell’iniziativa che si concluderà con la premiazione finale delle migliori idee per la città il 18 Dicembre alle 17 al Castello». La giornata è stata moderata da Milly Tucci socia dell’associazione Digital champions e Stati generali dell’innovazione che ricorda anche gli importanti appuntamenti del 17 e 18 #eskillsforwomen e Hackaton Opendata RC visionabili sul sito del Comune. ​​Il presidente del Consiglio regionale Nicola Irto ha riservato parole di grande apprezzamento: «Il progetto “Reggio città aperta” s’ispira in maniera efficace al capolavoro di Roberto Rossellini ambientato nella Roma occupata. A noi, oggi, è concessa l’opportunità straordinaria di lavorare perché anche questa terra venga liberata, lasciandosi alle spalle un passato di riduzione degli spazi democratici. Il progetto sugli “open data” ha la stessa filosofia di quello ribattezzato #openPalazzo del Consiglio regionale, fondato su trasparenza, partecipazione democratica e innovazione». A commento della iniziativa si è espresso anche Nello Iacono Presidente dell’Istituto Italiano Opendata e Vicepresidente Stati Generali dell’innovazione, che ha espresso rammarico per la sua assenza ribadendo «questo momento è molto importante per la città di Reggio Calabria e non solo. La sfida delle amministrazioni è oggi quella di realizzare pienamente l’amministrazione aperta, dove gli open data sono uno strumento indispensabile. La scelta politica forte e coraggiosa è quella di pensare che la trasparenza e il “dar conto”, l’accountability, siano condizioni essenziali per un governo capace, efficace ed efficiente. La partecipazione e la collaborazione dei cittadini, con l’adeguata consapevolezza digitale, sono un pilastro da costruire e sviluppare con cura. Così l’agenda digitale diventa abilitante per tutti e non rimane patrimonio di pochi specialisti. Reggio Calabria Città Aperta è la fantastica sintesi di tutto questo e contiamo di potervi continuare a supportare in questo ambizioso cammino». I lavori sono proseguiti con un Opentalk vivacissimo e molto costruttivo al quale hanno preso parte cittadini, imprese e attori importanti della città quali Giovanni Muraca assessore Legalità, Nino Zimbalatti assessore all’Ambiente i consiglieri Antonino Castorina, Rocco Albanese, Giovanni Latella, Francesco  Gangemi il Presidente Ordine Ingegneri Francis Cirianni,  il dirigente Manuel Pulella, le associazioni no profit come Digital Champions, Monithon Calabria, Actionaid, Camera di Commercio di Reggio Calabria, Protezione Civile e l’Università di Reggio Calabria. Un ringraziamento all’assessore Patrizia Nardi per il supporto organizzativo.