Direttore: Aldo Varano    

PUGLIESE (Basta vittime sulla 106): "nasca commissione parlamentare d'inchiesta"

PUGLIESE (Basta vittime sulla 106): "nasca commissione parlamentare d'inchiesta"
ReP
"La morte di Eugenio Vadalà di 28 anni e di Giuseppe Barone di 18 anni nella giornata di ieri 8 gennaio avviene esattamente un anno dopo l’incidente dello scorso 18 gennaio che aveva segnato l’inizio del 2015 con ben due vittime sulla S.S.106 sempre a Bocale fraz. di Reggio Calabria: Matteo Brigandì di 38 anni e Giuseppe Leonardo Farini di 47 anni. Si dirà il tragico destino, si dirà il caso o, molto più probabilmente, si dirà la famigerata “strada della morte”.

Eugenio e Giuseppe sono rispettivamente la decima e l’undicesima vittima della S.S.106 in provincia di Reggio Calabria nell’ultimo anno dopo, appunto, Matteo Brigandì (38 anni), Giuseppe Leonardo Farini (47), Sing Jaswinder (36) Antonio Pugliese (24), Paolo Foti (59), Giovanni Zappavigna (57), Bandi Maddalena (72), Claudio Modafferi (33) e Salvatore Mammone (77).

«Sono convinto – esordisce Fabio Pugliese presidente dell’Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106” – che le vittime della S.S.106 in provincia di Reggio Calabria e, ancor di più, quelle dell’intera Calabria jonica attraversata dalla tristemente nota “strada della morte” debbano essere onorate e rispettate. È facile – continua Pugliese – banalizzare con superficialità quanto accade su questa strada parlando di velocità e disattenzione di chi guida se poi avvengono certe “casualità” che, anche ammesso sia colpa della velocità, della disattenzione e dell’imprudenza su un rettilineo, sarebbero potute essere evitate se in un “punto critico” si installava un autovelox».

«Ritengo a questo punto – afferma il Presidente – che sia necessaria ed urgente una Commissione Parlamentare d’Inchiesta sulla S.S.106: perché questa strada ha provocato negli anni più vittime di una guerra; perché credo che le responsabilità non siano solo e soltanto di chi guida; perché ritengo che molte vittime potevano essere evitate; perché sono certo che una indagine approfondita potrà onorare la memoria delle vittime della “strada della morte” e delle loro Famiglie; perché penso che sia ridicolo che lo Stato spenda soldi per le infrastrutture in Lombardia dove esistono ormai decine e decine di autostrade e non, invece, in Calabria dove ogni mese muoiono nostri concittadini».

«Pertanto voglio dire subito – conclude Pugliese – che l’Associazione che ho l’onore e l’onere di presiedere invierà nei prossimi giorni una richiesta formale alla Presidente della Camera, al Governo ed a tutti i parlamentari calabresi a cui chiedo già da subito di prendere pubblicamente posizione in merito accogliendo questa proposta e scegliendo di tutelare gli interessi generali della collettività calabrese dilaniata dal dolore per le continue e costanti perdite dovute alla più grande vergogna dello Stato italiano che è rappresentata dalla S.S.106».

Associazione "Basta Vittime Sulla Strada Statale 106"
Rapporti con la Stampa
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.