Direttore: Aldo Varano    

REGGIO. Mauro (La Svolta): "mia proposta su mense scolastiche totalmente diversa rispetto a quanto previsto nel vecchio bando"

REGGIO. Mauro (La Svolta): "mia proposta su mense scolastiche totalmente diversa rispetto a quanto previsto nel vecchio bando"

Rep

 «La proposta di utilizzare prodotti biologici e a chilometro zero nelle mense scolastiche cittadine non è né pleonastica né superflua come qualcuno vorrebbe far pensare. Anzi, si tratta di un indirizzo puntuale ed assolutamente necessario che ho voluto sottoporre alla Commissione consiliare competente che l'ha accolto, peraltro, con grande favore, tanto da votarlo all'unanimità». E' quanto dichiara in una nota il Consigliere de "La Svolta" Riccardo Mauro rispondendo alle affermazioni sollevate dal consigliere Pasquale Imbalzano.  «Mi dispiace dover rispondere ad un consigliere come Imbalzano, verso il quale nutro sincera stima, che evidentemente dimostra di essere poco informato sui lavori della Commissione e sul vecchio bando tutt'ora in vigore. Anzitutto - spiega Mauro - perché la mia proposta è stata votata anche dai suoi colleghi di centrodestra presenti in commissione. In secondo luogo perché, al contrario di ciò che afferma Imbalzano, le indicazioni espresse nella mia proposta sono indispensabili nella predisposizione del nuovo bando per il servizio di refezione nelle mense scolastiche proprio per evitare gli errori del passato. Nel vecchio bando tuttora in vigore si parla infatti di un solo pasto biologico e tra l'altro facoltativo (artt. 2.1 e 5.1). Inoltre mai si parla di chilometro zero, ma semplicemente di "prodotti freschi" (art. 5.3). Un'indicazione che non fornisce alcuna garanzia sulla provenienza dei prodotti considerando che un prodotto è considerato “fresco” anche quando viene trasportato da una regione diversa. In questo caso, oltre ai costi superiori per il trasporto, non si avrebbe alcun giovamento per gli imprenditori agricoli locali. Probabilmente qualcuno ha confuso quanto previsto nella carta dei servizi sulla valorizzazione del biologico e del chilometro zero, con quanto previsto nel vecchio capitolato tutt'ora in vigore per come sopra esposto». «Tra l'altro - aggiunge il Consigliere de "La Svolta" - in Commissione sono stati ascoltati una serie di esperti del settore che hanno sposato la proposta, integrandola con la specifica dell'utilizzo dei prodotti di agricoltura sociale, dimostrando in questo modo l'assoluto valore del contributo da me presentato e condiviso da tutti i consiglieri della Commissione. E' bene precisare che tantissime città in Italia stanno approvando provvedimenti simili. Il dibattito dunque è più che appropriato, tanto da aver richiesto una discussione durata diverse sedute della Commissione consiliare competente, alle quali il Consigliere Imbalzano ha pensato bene di non presenziare, salvo poi intervenire con una nota pubblica che si discosta dalle posizioni assunte dai suoi colleghi di minoranza durante le riunioni della Commissione».  «Condivido - prosegue il consigliere Mauro - la proposta di istituire la Commissione controllo mensa, ma è chiaro che prima di questa è importante individuare i criteri che costituiranno il capitolato del bando. Ritengo infine che le osservazioni di Imbalzano sulla manutenzione degli istituti scolastici siano assolutamente appropriate, ma non rientrano di certo nel tema dei lavori affrontati dalla Commissione che si è occupata di redigere un atto di indirizzo per il bando della refezione. Probabilmente il Consigliere era assente anche nella seduta successiva alla approvazione della mia proposta in cui il Presidente avv. Nocera ha invitato il nuovo Dirigente del settore, che ha un'interlocuzione continua con le associazioni del settore, proprio per individuare misure atte a migliorare le aree degli istituti scolastici che sono adibite a refettorio. Così come sarebbe opportuno, a mio parere, ragionare su un aumento del numero dei punti cottura, in modo da ridurre il tempo che intercorre tra la preparazione delle pietanze ed il consumo da parte dei bambini». «Le affermazioni di Imbalzano, in merito alla proposta sul biologico e sul km0, sono dunque sinceramente fuori contesto - conclude Mauro - ma sono certo che qualora dovesse riuscire a partecipare alle prossime sedute di commissione potrà dare il suo valido contributo per l'individuazione di misure atte a migliorare le aree degli istituti adibite a refettorio».