Direttore: Aldo Varano    

Giovani UDC Calabria presenti alla Winter School di Avellino

Giovani UDC Calabria presenti alla Winter School di Avellino
Una tre giorni a Bagnoli Irpino, fondamentale ed importante per la formazione della base e del quadro dirigente dell' Udc Campania e dei massimi dirigenti nazionali,insieme ai delegati regionali accorsi da molte regioni, attraverso il ricco parterre di ospiti di grande spessore, che ha saputo tenere viva la platea ed affollata la partecipazione a questo grande evento politico, sociale e culturale. Abbiamo affrontato grandi temi, molte volte nascosti dalle tv e dai giornali, che danno troppo spazio a gossip o altri futili argomenti, intravedendo la volontà, di chi ha organizzato l' iniziativa, di esplorare approfonditamente parole come informazione, Cooperazione, legalità, Europa, unioni civili, governo Renzi, non come scatole vuote di contenuto, l' etichetta di altri partiti che sfruttano demagogia e populismo. Introduzione del padrone di casa, il deputato On. Giuseppe De Mita, commissario campano dell' Udc e vicesegretario nazionale, che ci ha illustrato in maniera molto approfondita a gravità dell'attuale ddl cirinnà sulle unioni civili, matrimoni gay, adozioni gay. Il deputato fa emergere dal confronto che l' Udc rappresenta la forza coerente che ha difeso la famiglia da sempre, cercando di porre le basi per una società meno consumista, più ricca di valori, nei confronti soprattutto di disabili, malati, bambini ed anziani. Le criticità di un sistema etico quasi al collasso, mettendo invece al centro dell' azione politica, la difesa della famiglia naturale, intesa come così come da sempre insegnano le esperienze cattoliche, umane e giuridiche del Paese, ponendo la stessa come base per la crescita dell' Italia. Inoltre, abbiamo assistito, ad un grande confronto sull' informazione, da cui l' uso di Internet, strumento molto interessante, nasconde però delle lacune molto gravi che possono nuocere alla buona e vera informazione. Questo tema è stato affrontato dal Dott. Alessandro Barbano, direttore de "Il Mattino" e da Paolo Messa, componente Cda Rai. Sono emerse circostanze importantisul selezionare le cose rilevantia quelle inutili e dannose, esposte da molti siti della rete, che usano la loro scala di notizia per numero di viusalizzazioni, e non per la qualità del post. Altro argomento cardine della manifestazione, la cooperazione sociale promotrice di sviluppo locale, con gli ospiti Dott. Carlo Borgomeo, Presidente "Fondazione con il sud", Vincenzo De Bartolo, Direttore nazionale "Confcooperative - Federsolidarietà". Questo argomento, ha fatto emergere lo spirito della vera cooperazione, a farsi carico degli altri, servizi e progetti di rigenerazione urbana, di sviluppo produttivo, lanvalorizzazione dei beni culturali e molto altro, al fine di rappresentare una vera risorsa per lo sviluppo locale. Rigenerare il territorio, sostenendo integralmente il welfare delle politiche locali, cercando di lasciare in questo settore a molte scellerate scelte della legge del mercato, che si impone sugli uomini. Nel susseguirsi dei dibattiti, si è dato lo spazio serale, a spettacoli cinematografici, comici, musicali e di intrattenimento per bambini. L' evento prosegue con un forte dibattito sulla giustizia, dove emergono molti punti di vista estremamente importanti per la giustizia italiana. A questo dibattito hanno partecipato il Dott. Ferruccio Capalbo , Magistrato della Corte dei Conti, Fabrizia Fiore, Sostituto Procuratore, Catello Maresca, Pm della DDA. Il confronto è stato caratterizzato da una grande volontà della platea a partecipare al complesso dibattito e la grande capacità dei rappresentanti di queste istituzioni giuridiche, di accogliere il confronto aperto, con enorme capacità di comprensione e dimostrando al tempo stesso grande un' alto senso di umiltà. Etica italiana, responsabilità dei magistrati, la lotta alla grande evasione e corruzzione, argomenti che hanno egregiamente arricchito il nostro sapere. Infine, ma non per ultimo, l' arrivo in platea del Segretario nazionale On. Lorenzo Cesa, accolto da applausi e molto entusiasmo. Stato d' animo della platea, nei confronti del segretario Cesa, conseguente al fatto che nessuno come lui, in questo momento storico, sta portando avanti le nostre battaglie sociali e politiche, con tenacia e convinzione. Ha motivato soprattutto i giovani presenti, ad un indirizzo critico ma di coesione europea, ad un senso di partito che mancava ormai da anni, dimostrando il riscatto dell' Udc nelle ultime tornate elettorali locali. Dal suo discorso comprendiamo una forte volontà di un popolarismo che cominci dal basso, mettendo al centro la difesa della vita, della famiglia, ponendo le basi per un percorso nuovo, ma coerente con la nostra storia democratico cristiana, con senso critico verso scelte scellerate, che sappiamo non determinate da lui, come l' alleanza con Monti. Proseguire da soli, non apprezzando la politica poltronistica di Ncd, e di critica più costruttiva ma decisa, verso il Governo del nostro Paese, e del Presidente del Consiglio Matteo Renzi. Infine, le conclusioni dell' iniziativa della località sciistica di Bagnoli Irpino, sono passate all' On. Ciriaco De Mita, sindaco di Nusco, paese vicino. Lo storico politico italiano, protagonista della politica e della istituzioni italiane. L' On Ciriaco De Mita, espone da subito le aspre criticità all' attuale governo del Paese, manifestando pubblicamente la volontà di votare con esito negativo al governo, del referendum costituzionale che si terrà a breve. La sua visione di mezzogiorno, di cattolicesimo politico, e di economia ha arricchito in maniera dirompente il bagaglio culturale di tutti i partecipanti