Direttore: Aldo Varano    

ALESSIO (FI) a Verta: "vergognoso istigare i giovani ad intervenire contro FI in tv"

ALESSIO (FI) a Verta: "vergognoso istigare i giovani ad intervenire contro FI in tv"
 
Dichiarazione di Antonio Alessio, senatore accademico dell'università della Calabria ed ex - Coordinatore di FIG San Giovanni in Fiore.
 
"È ormai, da tempo, chiaro che il coordinamento da lui presieduto non rispondeva più interamente alle linee del partito ma per suo volere alle linee di qualche signore che pensava bene di continuare a fare terra di vassallaggio nel movimento giovanile.
 
Io che da sempre ci metto la faccia, che ho raccolto 600 voti alle elezioni studesche all'Unical risultando eletto in Senato accademico e più di 100 alle elezioni comunali a San Giovanni in Fiore, non mi sentivo più rappresentato da un coordinatore provinciale che si era troppo allontanato dalla politica basata sull'ascolto e sulle proposte, sulle battaglie di idee e sui sogni, sul lavoro collettivo e sul rispetto e non garantendo un coinvolgimento di tutti nell'attività di partito.
 
Ci sarebbero da analizzare alcuni punti tralasciati da chi in questi giorni chiede le dimissioni di Luigi De Rose e Jole Santelli. L'ex coordinatore Verta attacca personalmente chi secondo lui dovrebbe abbandonare il coordinamento di partito, per non specificati motivi o per partito preso. Cosa differente ha fatto Luigi De Rose, che ha azzerato il coordinamento provinciale, evitando danni d'immagine nei confronti di quanti si sono macchiati di gravi gesti e di tante vicende che hanno segnato l'andamento negativo di un gruppo che dopo un anno e mezzo risultava diviso in due correnti, una indirizzata verso un consigliere regionale e seguita dall'ex coordinatore Verta, che si professa libero nonostante ci siano chiare motivazioni che inducono ad avere dei dubbi in merito, e l'altra indirizzata al futuro del partito.
 
Da notare come non abbia preso posizioni sulla vergognosa mossa che ha portato alla caduta del comune di Cosenza, l'unico golpe di cui si può parlare, se non con un articolo dove confermava la sua ambiguità. 
Nelle dichiarazioni di William Verta qualche giorno dopo la sua caduta, risaltano due cose, divergenti tra loro: la sua vicinanza a chi ha fatto cadere il comune ed al tempo stesso l'annuncio di essere libero di prendere qualsiasi scelta. 
Io mi chiedo, come ci si può professare Berlusconiani ed al contempo criticare ed osteggiare ogni linea di partito e quelle persone di fiducia del Presidente stesso chiamate a guidare il partito in una fase congiunturale negativa per i partiti e per la politica? Come si può professare attaccamento al partito e separazione di legami personali e politici istigando al tempo stesso militanti e dirigenti del coordinamento ad intervenire telefonicamente e sotto falso nome in trasmissioni televisive a sostegno di chi aveva da pochi giorni decretato la fine anticipata dell'amministrazione Occhiuto ed attaccando il coordinatore comunale del partito?
Questo è il momento di dare una nuova primavera al partito, dove verranno corretti gli errori commessi in passato e dove si guarderá tutti insieme ad un futuro migliore, con la passione e la coerenza di sempre.
Noi giovani, con l'autonomia che spetta a chi il domani deve ancora costruirlo, non ci faremo intruppare da giovani gattopardi ma lotteremo per noi stessi, e per il partito, rimboccandoci le maniche in vista dei prossimi impegni elettorali, comunali ed universitari."