Direttore: Aldo Varano    

LOCRIDE. Focus dei CC del gruppo Locri nelle zone ad alto tasso predatorio

LOCRIDE. Focus dei CC del gruppo Locri nelle zone ad alto tasso predatorio
Carabinieri Gruppo di Locri. Controlli nelle aree più degradate della giurisdizione. Focus alle zone abitate da nomadi stanziali.



Continuano senza sosta i servizi di controllo straordinario del territorio disposti dal Gruppo Carabinieri di Locri finalizzati alla repressione dei reati in genere con particolare attenzione a quelli di natura predatoria.

A tal proposito sono stati effettuati controlli a tappeto nelle aree più “degradate” della giurisdizione in cui vi è una più alta percentuale di nomadi.

All’esito dei mirati servizi:

-        i Carabinieri della Stazione di Marina di Gioiosa Jonica hanno denunciato un 38enne del posto per furto aggravato. Nel corso di un controllo presso la sua abitazione, effettuato con personale specializzato dell’Enel, è stato rivenuto un allaccio abusivo alla rete elettrica;

-        i Carabinieri della Stazione di Riace hanno denunciato un 31enne di origine nigeriana, beneficiario del progetto “Sprar”, per minaccia grave e porto di armi od oggetti atti a offendere. Lo stesso, a seguito di una lite, avrebbe minacciato un connazionale utilizzando una bottiglia in vetro parzialmente infranta rubata poco prima in esercizio commerciale del posto;

-        i Carabinieri della Stazione di Ardore Marina hanno denunciato un 29enne - attualmente sorvegliato speciale di P.S. - e una 45enne, entrambi del posto, in quanto ritenuti responsabili di furto di energia elettrica. Nel corso di perquisizioni domiciliari, presso le loro abitazioni è stata altresì accertata la manomissione del contatore Enel per eludere i reali consumi di energia elettrica;

-        i Carabinieri della Stazione di Agnana Calabra hanno denunciato un 45enne di origini albanesi, ritenuto responsabile anch’egli di furto di energia elettrica. Nel corso di una perquisizione domiciliare è stata altresì accertata la manomissione del contatore dell’Enel per eludere i reali consumi di energia elettrica.

Durante il medesimo servizio, numerosi sono stati gli interventi effettuati dai militari dell’Arma su richiesta pervenuta al numero di “pronto intervento 112” per dissidi di natura familiare. In particolare:

-        i Carabinieri del N.O.RM. della Compagnia di Locri hanno denunciato un 39enne di Siderno per maltrattamenti in famiglia. Lo stesso, in più occasioni, avrebbe sottoposto la moglie a una serie continua di violenze, minacce e soprusi di ogni genere con ripetute offese e umiliazioni;

-        i Carabinieri della Stazione di Locri hanno denunciato un 62enne del posto per minaccia grave ed ingiuria. Lo stesso avrebbe offeso l’onore e il decoro dell’ex moglie con la quale è in fase di separazione;

-        i Carabinieri della Stazione di Careri hanno denunciato un 25enne domiciliato a San Luca. Anch’egli avrebbe più volte minacciato e offeso l’onore e il decoro dell’ex moglie dalla quale è in fase di separazione.