Direttore: Aldo Varano    

IL MASSACRO DEL 19 LUGLIO. Se il nostro mare diventa una pozzanghera di sangue

IL MASSACRO DEL 19 LUGLIO. Se il nostro mare diventa una pozzanghera di sangue

NOSTRO SERVIZIO - Un orrore senza fine. Una carneficina. Una mattanza che invece di ammazzare i tonni ha insanguinato il nostro mare. Terrore, orrore, omicidi, annegamenti, grida, pianti, bimbi che cadevano in alto mare e venivano lanciati giù e sparivano negli abissi.

Un 19 luglio di terrore nel Canale di Sicilia, a ridosso di casa nostra. Lo hanno raccontato decine dei 561 immigrati giunti a Messina sulla petroliera danese "Torm Lotte" dopo un salvataggio drammatico operato mentre altri uomini continuavano a sparire tra le onde. Sarebbero almeno 140 i morti, ma purtroppo è una stima difettosa. Grazie alle testimonianza dei sopravvissuti sul barcone finito poi a Malta con 29 cadaveri nella stiva la polizia messinese ha arrestato cinque uomini per omicidio plurimo. Tre hanno tentato la fuga e in tasca, si è poi scoperto, avevano il biglietto dell’autobus per Milano. Sarebbero questi cinque gli assassini che hanno iniziato a uccidere a colpi di coltello e a buttare a mare i passeggeri per paura che il barcone si capovolgesse per le risse tra arabi e africani provocati dalla richiesta degli africani di uscire dalla stiva in cui erano ammassati. A questo primo scontro si sarebbe aggiunto quello tra chi voleva tornare indietro per paura e chi voleva si proseguisse.

Secondo la ricostruzione della polizia di Messina gli arabi avevano pagato per il viaggio tra 1.000 e 2.000 dollari gli africani tra 250 a 500 dollari. Da qui la differenza di trattamento. Gli assassini avrebbero ucciso a caso gli africani, donne bambini che uscivano dalle stive per poi buttare i cadaveri in mare. Il Mediterraneo denso di scambi culturali e commerciali che hanno fatto la storia del mondo rischia di diventare una pozzanghera di sangue.