Direttore: Aldo Varano    

CARTONE, Cartoons e la difficoltà di narrare la Calabria

CARTONE, Cartoons e la difficoltà di narrare la Calabria
protesi 3d Diciamolo.

Sta storia del "cartone" in uso all'ospedale metropolitano a fini ortopedici (nota: un mio amico che lavora a Firenze, città di antichissima eccellenza ortopedica nazionale, mi dice che anche loro lo usano come prima immobilizzazione...) tra news, fake news, nas, sindacati, giornalisti e giornalai, tv e tubi catodici, rete e materassi, post e (ap)postati, medici e aspiranti tali (soprattutto se primari), dottori e detrattori, la dice tutta sulla scarsa efficacia di ogni tentativo di "narrare" la nostra terra "nella verità".

Il cartone diventa sensazionale e l'indignazione scomoda organismi internazionali e popoli ma non lo diventano fatti e questioni altrettanto e più ‘di rilievo', belli e brutti. L'epica dell'in-formazione e della de-formazione supera il senso della misura, l'interventismo verbale o testuale supera la necessità anche di stare zitti ogni tanto per vergogna o per dubbio che sia. La narrazione della Calabria non ha luoghi o ragioni, dovremo dirci piuttosto come ci possiamo liberare dalla fobia di essere tutti narratori, interpreti, untori e missionari e mai davvero "interessati" alla Calabria... nell'interesse per la...

Attendere che questo terribile tempo di decadenza passi, facendoci trovare ognuno di noi proprio dove dovremmo fisicamente stare, a fare il proprio, meglio che si può. Compreso i giornalisti che scelgono il coraggio della verità quando davvero può alimentare altrettanto coraggio. Tutti siamo chiamati a farlo, nessuno escluso.

Insomma, ri-bellarsi per riportare il bello, per non dimostrare di essere più brutti di un cartone piegato nel posto giusto o sbagliato.

P.S. In Olanda, Germania, Spagna si staranno spaccando dalle risate per la nostra guerra al cartone pro gesso, loro da anni già usano le armature ortopediche su misura stampate in 3D. In Toscana è già iniziata la sperimentazione.