LA RECENSIONE. Fermate Capitano Ultimo! Di Pino Corrias (Chiarelettere)

LA RECENSIONE. Fermate Capitano Ultimo! Di Pino Corrias (Chiarelettere)

corrias

Pino Corrias, nel libro dal titolo “Fermate Capitano Ultimo” edito da Chiarelettere qualche mese fa, abbraccia in maniera straordinariamente vivace l’intera esperienza professionale, posta a servizio dell’intera nazione, di Capitano Ultimo alias colonnello Sergio De Caprio e lo fa narrando ascese e cadute dell’investigatore più lucido e sagace che l’arma dei carabinieri ha avuto negli ultimi decenni. Le ascese, le ribalte della cronaca sono state tributate a De Caprio a seguito dell’arresto di Totò Riina, le cadute, sono state determinate da inchieste e dossier “scottanti” nei quali era coinvolto, mentre era in carica, l’ex presidente del consiglio Matteo Renzi.

Così, pur con i gradi di colonnello, lo specialissimo investigatore si è trovato seduto dietro una scrivania del comando carabinieri forestali a Roma a “nulla” fare, meditando dolorosamente sul perché, dal  settembre 2018 gli sia stata revocata la scorta. Un formidabile detective azzoppato, privato di una efficientissima squadra, - dispersa nei meandri della burocrazia-   costretto all’inazione, al limbo, per aver messo a soqquadro le stanze del potere.

La lettura del saggio-inchiesta dell’ottimo giornalista avvince come un noir perché De Caprio ha tanto da raccontare e i particolari inediti sulle vicende italiane interessano tutti. Scorrono eventi storici tra le righe, flash su Milano, alla quinta sezione Catturandi, sulle tracce di mafiosi siciliani e calabresi che riempivano le strade di cocaina, su Palermo, inseguendo Riina. Scorrono Roma e Napoli e le inchieste scottanti nel corso di ben quindici anni trascorse dal colonnello al nucleo operativo ecologico dei carabinieri – Noe-.

Emergono anche particolari legati alle modalità operative seguite per individuare piste difficili e per ragiungere risultati brillanti. “Abbiamo piazzato microfoni tra le bottiglie di vino di una cena, nelle candele sul tavolo di una riunione e telecamere dentro i lampadari. Abbiamo filmato lo scambio di tangenti in una stanza senza luce dell’Aeronautica militare” riporta Corrias, tra i capitoli del libro, riprendendo le parole di Capitano Ultimo che amaramente oggi descrive azioni rischiose, svolte in maniera celata, con pochi uomini che si sono mossi compatti su e giù per l’Italia seguendo piste banali in superficie e criminali nel profondo, proprio dove è più difficile cogliere i legami opachi tra politica e potere. Eppure anziché medaglie e onori, un nuovo incarico: senza scorta e conclude Corrias,  del tutto “senza scopo”.

E’ stato come trasformare una vettura di lusso in un’innocente automobilina giocattolo. E che dire dei valentissimi collaboratori del capitano? Un posto d’onore è riservato anche a loro nel libro, perché anche loro oggi si trovano nel fango. Così anche i validi ausiliari del capitano, addestrati ad essere i migliori, si trovano parcheggiati in spazi lavorativi anonimi e rappresentano risorse sostanzialmente inutilizzate, perché effettivamente i bravi non servono al potere. Così amaramente si sfoga De Caprio con l’amico giornalista autore del saggio: «Androide, il più bravo tecnico informatico dell’Arma, oggi alza la sbarra di una caserma e si occupa dei rifornimenti di carta igienica. Ombra, grande investigatore, fa la guardia a un aeroporto della Marina militare. Thor a una sede della Banca d’Italia. Alchimista, che apre qualunque porta, illumina qualunque ambiente per le intercettazioni, è finito in un ufficio di quartiere e un giorno mi ha detto-: “Colonnello, ci hanno tolto la cosa più bella, il lavoro”».

Fermate Capitano Ultimo! Di Pino Corrias ed. Chiarelettere, 2019.