Direttore: Aldo Varano    

Lo Spazio Adesso di Katia Colica a CdA

Lo Spazio Adesso di Katia Colica a CdA

k colica    di DANIELA MAZZEO

- Come in un teatro il terzo suono della campanella richiama l’attenzione dei presenti. Il palco di Calabria D’Autore è pronto. Tre le sedie: una per Antonio Calabrò , l’altra per Daniela Mazzeo, l’ultima per l’ospite della serata. Sulle note di The Passengers di Iggy Pop e accompagnata da un lunghissimo applauso si accomoda sul palco Katia Colica con in mano il suo ultimo libro “Lo spazio adesso”.

Partendo proprio dal titolo l’autrice rompe il ghiaccio e svela le sue idee sul romanzo, sulla scrittura, sulla necessità di comunicare. L’interpretazione della realtà, le difficoltà esistenziali e di adattamento, la comprensione di una realtà spesso brutalmente oppressiva, sono tutti temi trattati tra le righe del suo ultimo lavoro letterario. Lo spazio alla fine è inteso come dimensione umana che ognuno si costruisce a passo con il proprio tempo.

Ma lo spazio è anche quello culturale asserisce Calabrò che allarga la discussione sui temi più disparati; si dialoga insieme all’autrice sulla diffusione della cultura, sulla possibilità di crescita collettiva, sulle ovvietà spesso tirate in ballo in merito al lavoro e alla disgustosa retorica del “con la cultura non si mangia”.

Katia Colica non si risparmia; risponde determinata e decisa su ogni, loda la città per il fermento attuale e sulle forti possibilità che avrebbe di migliorare ancor di più se soltanto gli spazi culturali fossero più sostenuti con maggior vigore. Sollecitata dal duo di intervistatori, è grintosa e lucida quando risponde alle domande su temi attualissimi come le unioni civili, la libertà di un credo terreno e uno spirituale, in cui traspare il suo senso di non assolutezza delle cose e di visione lungimirante sul senso di cambiamento.

La scrittrice è profonda quando l’attenzione si sposta sul tema dell’amore richiamato dalla vicenda principale del libro. L’amore esiste ancor prima di noi asserisce, guai se non fosse così.

E’ concreta e diretta quando ammette titubanze sul senso di appartenenza, sentimento necessario al possibile cambiamento della propria terra. La speranza di un futuro in Calabria è solo proporzionale alla possibilità di fare progetti e vederli realizzati. Il peggior affronto fatto alla speranza è quella di tradirla tutte le volte.

Simpatica e ironica quando racconta del suo rapporto con i social network. Coinvolge il pubblico e lo trasporta in lunghe risate a dimostrazione del fatto che è solo così che vale la pena considerarli. La verità dei contatti è solo quella costruita oltre lo schermo.

Katia Colica in perfetta sinergia con il suo Spazio Adesso, ha lasciato al pubblico tracce ben solide dei suoi pensieri e lo ha incuriosito svelando piccoli stralci del libro. Il risultato è stato aver portato a casa tutto ciò che è scaturito dal confronto, una serata gratificante e interessante e principalmente un libro da leggere tutto d’un fiato.