Direttore: Aldo Varano    

CALABRIA D’AUTORE. Cutrupi, Viaggiator Cortese tra Tunisia e Marocco

CALABRIA D’AUTORE. Cutrupi, Viaggiator Cortese tra Tunisia e Marocco

cdamarocco   

- Raccontare un luogo attraverso l’esperienza diretta di Piero Cutrupi , il “viaggiator cortese” di Calabria d’Autore, è l’esperimento ben riuscito della rassegna culturale ideata da Antonio Calabrò. Cosa vuol dire viaggiare fuori dalle consuete mete turistiche e spostarsi da un luogo all’altro attraverso la descrizione dettagliata di Cutrupi è un’esperienza che consente di entrare nella realtà di ogni paese raccontato. E’ la volta di partire per la Tunisia e il Marocco e lasciarsi guidare dalle descrizioni, curiosità e immagini inedite che Cutrupi regala.

La prima meta è la Tunisia e il racconto inizia da Gafsa, città dove risiederà per quattro settimane spostandosi per viaggi di approfondimento e studio in altri luoghi, sempre da viaggiatore libero e non turista. La differenza sono i posti insoliti e la voglia di scoprire ciò che non rientra nelle conoscenze comuni. Tunisi, Gafsa, Tozeur sono solo alcuni dei luoghi che vengono esplorati alla scoperta di costumi , abitudini, sapori linguaggi di ogni posto vissuto. Le immagini scattate da Cutripi emozionano, regalano sensazioni di stretta vicinanza fisica ai luoghi e alla bellezza dei paesaggi.

Le fotografie proiettate di Tunisi con i bazar e le moschee, del lago di Gafsa e i famosi palmeti di Tozeur si intrecciano con i video sulla vita quotidiana e di festa, del “viaggiator cortese” tra la gente del posto. Immagini belle in cui traspare il grande senso dell’accoglienza, la convivialità, la bellezza dell’interazione.

Con la stessa intensità il viaggio prosegue in Marocco, tra atmosfere magiche e grande respiro culturale. Cutrupi racconta e fruga questa ricchezza diffusa nella varietà del territorio, nelle opere architettoniche, nei resti di una storia millenaria.

La descrizione si limita alla parte della costa Atlantica del paese, luogo di fortezze portoghesi e di raffinate mete distanti dal circuito turistico. Come la bellissima cittadina di Asila, tutta bianca e azzurra, incastonata in una collina che coniuga un raffinato patrimonio architettonico con un paesaggio ricco di contrasti: le montagne, il mistero del deserto, chilometri di spiagge incontaminate.

Ogni luogo svela un fascino diverso. Rabat capitale del Marocco circondata da chilometri di mura color ambra e ornata da ibiscus. E poi Essaouira con la sua bella e lunga distesa di spiaggia di sabbia, e la particolare produzione di Olio di Argan. Casablanca con la moschea di Hassan e il suo minareto che compie le funzioni di faro per il porto, e il Bar che vide protagonisti Humphrey Bogart e Ingrid Bergman nel film omonimo. La tappa a Tangeri è forse quella più suggestiva avverte Cutrupi. E’ il luogo di fascinazione artistica che tanti scrittori, musicisti artisti di ogni genere hanno scelto come fonte di ispirazione.

Viaggiare è un’apertura mentale. E’la conoscenza di culture, tradizioni e usi diversi dai nostri. Da ogni viaggio si rientra sempre in modo “nuovo”, con un bagaglio culturale più ricco. L’esperienza dell’incontro tra culture, della contaminazione sociale e della curiosità viva e aperta ad ogni sfumatura dell’essere umano rende queste serate straordinarie. Un grande arricchimento per il pubblico, un modo inedito di proporre cultura, nello stile Calabria d’Autore.

Il prossimo incontro con “Il Viaggiator Cortese” sarà giovedì 28 Aprile. Al centro ci sarà l’Iran, terra antichissima e conosciuta solo in modo superficiale dall’occidente.