Direttore: Aldo Varano    

Fip Calabria: grande successo per la X edizione del Torneo del Mediterraneo

Fip Calabria: grande successo per la X edizione del Torneo del Mediterraneo
ReP
 

Più di cento giovani atleti provenienti da tutto il Sud hanno trascinato con il loro entusiasmo Locri e Siderno nel corso della manifestazione che ha visto trionfare la Sicilia. Grande partecipazione anche in occasione del playground di sabato che ha visto protagonista il minibasket e la pallacanestro in carrozzina con la società “Kleos”. Soddisfatto il presidente La Bozzetta: “Straordinaria iniezione di fiducia per tutto il movimento cestistico del Mezzogiorno”

Più di duecento persone fra giovani atleti, tecnici, staff medici, famiglie e amici al seguito. E’ questo uno dei principali numeri, fra i tanti, che testimoniano l’ottima riuscita della decima edizione del Torneo del Mediterraneo targato Fip Calabria. La tre giorni all’insegna del miglior basket giovanile del Sud ha trascinato Locri e Siderno con una vera e propria ondata d’entusiasmo e partecipazione.
In un clima di festa, le sei rappresentative del 2001 (Calabria, Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata e Sicilia) accolte nel litorale jonico reggino, hanno dato vita ad una bella pagina di sport oltre che di aggregazione sociale.
A rendere ancora più speciale la manifestazione ha contribuito in modo particolare la giornata di sabato in cui si è svolto, in piazza dei Martiri di Locri, il playground con il minibasket e gli atleti della pallacanestro in carrozzina appartenenti alla società “Kleos” di Lazzaro. Si è trattato di un evento collaterale durante il quale è stato possibile toccare con mano, tutta l’importanza della pratica sportiva quale efficacissimo strumento di inclusione sociale.
Per quanto riguarda l’aspetto prettamente sportivo il torneo è stato vinto dalla rappresentativa siciliana che, dunque, ha trionfato davanti al proprio presidente di Federazione, Antonino Rescifina. I ragazzi guidati da coach Massimo Di Gregorio hanno avuto la meglio sulla Campania con il risultato di 65 a 48. Molto combattuta la “finalina” per il terzo posto vinta dall’Abruzzo sul Molise per 67 a 59. Netta l’affermazione della Calabria nell’ultima finale, quella per il quinto posto, in cui i ragazzi di coach Simona Pronestì hanno superato la Basilicata con il risultato di 89 a 48.
Grande soddisfazione è stata espressa dal presidente della Fip Calabria, Sandro La Bozzetta, al termine di un evento che a sua avviso “costituisce una straordinaria iniezione di fiducia per tutto il movimento cestistico del Mezzogiorno. Essere arrivati a un traguardo così importante come la decima edizione del Torneo del Mediterraneo significa che qualcosa di buono è stato fatto e che questo sport può ancora dare tanto. Devo ringraziare – ha aggiunto La Bozzetta - per l’ottima riuscita la Provincia di Reggio Calabria, le amministrazioni comunali di Locri e Siderno e il Coni Calabria che ci ha sempre sostenuto. Un contributo essenziale, inoltre, è stato quello che abbiamo ricevuto da due società cestistiche, la “Eutimo” di Locri e la “Ymca” di Siderno, a testimonianza del fatto che solo facendo rete è possibile mettere in piedi iniziative sportive e formative dense di significati. Questa manifestazione che si sposa perfettamente con le linee guida dettate dalla Federazione nazionale, riesce ogni volta a valorizzare il grande e appassionato lavoro che ogni giorno decine di tecnici e istruttori svolgono con i ragazzi. Abbiamo più volte sottolineato – ha concluso il presidente di Fip Calabria – quanto sia importante scommettere sui vivai e sul talento giovanile e con il Torneo del Mediterraneo questo messaggio esce ulteriormente rafforzato”.
In linea con le più moderne forme di comunicazione online l’evento si è svolto parallelamente anche sulla rete sociale ‘Facebook’ (sulla pagina ‘10 Torneo del Mediterraneo’), dove sono consultabili tutte le fotogallery del torneo.
Al termine della manifestazione le sei rappresentative hanno fatto dono alle due amministrazioni di Locri e Siderno di due palloni ufficiali con tutti i loro autografi.

l.d./Labecom