Direttore: Aldo Varano    

Foti (FI): Fughe dal NCD? Il Partito si è già espresso

Foti (FI): Fughe dal NCD? Il Partito si è già espresso
ReP


Otto mesi fa abbiamo deciso con forza e senza alcuna esitazione di seguire una strada, quella della coerenza e del rinnovamento, e da quel momento abbiamo lavorato duramente, non senza difficoltà, per ricostruire un'identità che è specchio dei valori in cui da sempre ci riconosciamo. Questo equilibrio raggiunto va tutelato da ogni tentativo destabilizzante e per questo motivo è necessario mettere le cose in chiaro. Il nostro è un Partito attento e pronto a cogliere nuovi contributi, come abbiamo già ampiamente dimostrato dando spazio a quanti, dal mondo dei professionisti, delle organizzazioni datoriali, dell'associazionismo e del volontariato hanno manifestato la loro volontà di avvicinarsi al nostro progetto motivati da quella discontinuità gestionale riscontrata rispetto al recente passato.
Questo però non significa calpestare la nostra dignità aprendo le porte anche a chi, ancora adesso, rivendica la legittimità di quella scelta che ha segnato una delle pagine più nere della nostra storia.
È quanto dichiara in una nota il Vice Coordinatore Regionale di Forza Italia Nino Foti in merito alle indiscrezioni apparse su alcuni organi di stampa relative ad un presunto passaggio a Forza Italia di alcuni fra ex consiglieri e assessori Regionali del NCD.
Chiaramente non è una questione personale, prosegue Foti, quanto di metodo e principio sulla quale tra l'altro, il Coordinamento Regionale di Forza Italia in un recente incontro di vertice, si era già espresso all'unanimità, su indicazione della coordinatrice Regionale Santelli, mettendo a tacere analoghe indiscrezioni giornalistiche e stabilendo di fatto l'impossibilità di accogliere in Forza Italia gli eletti Regionali e Nazionali del NCD protagonisti di quella triste scelta di campo di qualche mese fa.
Mi preme inoltre puntualizzare quanto detto per rassicurare i nostri elettori che non hanno esitato nel manifestare la loro insofferenza. Una reazione comprensibile e giustificabile oserei dire, di fronte ad un'ipotesi che, anche se già smentita da alcuni dei diretti interessati, dovrebbe prender corpo come se nulla fosse stato e come se non esistesse quel solco scavato quel 16 novembre scorso e ampliato dal continuo discredito gettato su un progetto in cui nessuno voleva credere. Nessuno tranne il nostro Presidente Berlusconi e chi, sin dal 1994 gli è stato sempre accanto nei momenti migliori e ha deciso di seguirlo anche nelle difficoltà. Quanti hanno contribuito ad aggravare quella situazione aggiunge Foti, oggi non possono non fare i conti con il peso delle loro responsabilità e delle loro scelte, chi invece come il sottoscritto ha contribuito alla rinascita della casa dei moderati ha il dovere di assicurare che questo non accada. Il dovere di vigilare affinché la nostra gente non venga disorientata da inaspettati cambi di direzione, affinché il senso d'appartenenza dei nostri sostenitori non venga minato dall'ipotesi di ritrovarsi in un Pdl bis con tutte le contraddizioni che questo ha rappresentato, affinché insomma, tutto quello che abbiamo costruito e difeso anche dal vento imperante dell'antipolitica, non vada perduto.
Le alleanze e gli accordi di coalizione sui programmi e i candidati, conclude Foti, sono una cosa, altra cosa invece sono la struttura e la visione del nostro movimento. Da questo punto di vista, Forza Italia è un Partito forte e in salute che in Calabria ha dato ampiamente dimostrazione delle proprie capacità. Cambiare direzione con scelte differenti, oltre che inopportune e non necessarie, rispetto ad un percorso già avviato non farebbe altro che minare pericolosamente quella compattezza che con tanto impegno è stata al momento raggiunta.


Nino Foti
Vice Coordinatore Regionale Forza Italia Calabria