Direttore: Aldo Varano    

Principe su nomine direttori Sanità

Principe su nomine direttori Sanità
ReP
 

“La Giunta Regionale, guidata dalla vice presidente FF Antonella Stasi, da quanto è dato sapere, starebbe per procedere alla nomina dei direttori generali delle 5 ASP e delle 4 Aziende Ospedaliere calabresi”.
E’ quanto afferma in una nota il Capogruppo del PD alla Regione Calabria, Sandro Principe.
“E’ veramente sconcertante – prosegue l’On. Principe - che una Giunta Regionale ancora in carica per espletare solo funzioni di ordinaria amministrazione, abbia intenzione di pervenire in questa fase ormai pre-elettorale, essendo la legislatura finita, alla nomina, dei nuovi direttori del Sistema Sanitario Regionale, in spregio ad un principio elementare di opportunità se non addirittura in contrasto con le regole vigenti in materia. E’ di tutta evidenza che si tratta di una operazione di carattere elettoralistico per avere a disposizione i suddetti direttori nella imminente consultazione per il rinnovo del Consiglio Regionale della Calabria.
E’ un’ operazione spregiudicata, che verrà posta in essere, peraltro, in assenza, praticamente, del Consiglio Regionale della Calabria, ormai congedato e convocato solo per pratiche indifferibili ed urgenti.
Tali eventuali nomine, che mi auguro la giunta Stasi non faccia, andrebbero, peraltro, ad ipotecare la politica sanitaria del prossimo governo calabrese. Quest’ultimo, per essere certo che vengano seguiti i propri indirizzi nella sanità (che saranno certamente alternativi a quelli emanati dall’attuale gestione),si vedrebbe costretto, da un tale comportamento non corretto della Giunta Stasi, eventualmente ad una revoca degli incarichi stessi. Ciò provocherebbe un gravo danno erariale alla Regione, dovendo retribuire due compensi per l’alta dirigenza sanitaria”.
“Chiediamo con determinazione alla vice presidente Stasi di non adottare atti o provvedimenti amministrativi riguardanti la delicata questione delle nomine dirigenziali nel comparto della sanità – ha concluso il Presidente democrat a Palazzo campanella - In ogni caso, ove questa nostra ferma richiesta non venisse accolta, chiederemo a tutte le autorità preposte al controllo della regolarità e della liceità degli atti amministrativi, di intervenire prontamente. Parimenti, chiediamo al Ministro competente che si proceda immediatamente alla nomina del nuovo Commissario ad acta, interrompendo una tattica dilatoria che, volendo mal pensare, potrebbe favorire l’assunzione da parte della Giunta Stasi di provvedimenti di nomina non corretti. Il Ministero della salute, nelle more, dovrebbe, invece, esercitare i propri poteri di vigilanza, al fine di evitare l’emanazione di provvedimenti discutibili, se non addirittura, illegittimi”.