Direttore: Aldo Varano    

Bonifica ex Legnochimica, M5S Rende: portare la questione in Consiglio

Bonifica ex Legnochimica, M5S Rende: portare la questione in Consiglio
ReP
 

La politica del “fare” di questa maggioranza di centrodestra ha tutto il sapore di una prova di forza che evita volutamente il confronto democratico nelle sedi istituzionali preposte. Come nel caso dell’annunciato avvio – a mezzo stampa - della bonifica del sito ex Legnochimica, che rientra a pieno in questa logica. Nessuna comunicazione è stata fatta alla commissione preposta (la Terza, Ambiente e Territorio) delle fasi preliminari di questo processo, così come nessuna discussione è stata aperta in seno al Consiglio Comunale che è l’organo preposto a dirimere questioni così importanti.
Niente di tutto ciò: il sindaco e due assessori hanno deciso di far partire (in via sperimentale?) una bonifica low cost che non convince nessuno, senza avvisare preventivamente neanche gli stessi membri della maggioranza. Insomma, si lavora sottotraccia e si svilisce altresì il ruolo delle Commissioni permanenti che – allo stato – hanno una funzione di semplice "gettonificio". È mai possibile che i consiglieri di minoranza e – cosa ancor più grave – della maggioranza devono essere informati delle decisioni dell’attuale Giunta a mezzo stampa e devono altresì fare gli Sherlock Holmes per venire a sapere cosa bolle in pentola nelle stanze del potere rendese? Il caso è ancor più grave se consideriamo la questione del bilancio comunale, le osservazioni della Corte dei Conti e il silenzio assoluto che circola in merito alla questione. Se la situazione delle nostre casse è veramente così grave, il Consiglio deve essere il luogo privilegiato della discussione, e non certo la stampa.
Siamo completamente d’accordo che sul sito dell’ex Legnochimica non si deve più perdere tempo e che la bonifica non è più rinviabile, ciò non significa però effettuare delle scelte di campo così importanti senza dare conto alle forze politiche che compongono il Consiglio Comunale e che sono espressione del voto democratico dei cittadini rendesi.
Si ristabiliscano al più presto le funzioni proprie del Consiglio e delle Commissioni permanenti. I colpi di mano non possono e non devono appartenere alla nostra istituzione democratica.
Domenico Miceli
Gruppo Consiliare Movimento 5 Stelle Rende