Direttore: Aldo Varano    

REGGIO. Sul sull'incontro con Falcomatà

REGGIO. Sul sull'incontro con Falcomatà

(rep)

Come SUL, abbiamo partecipato ieri all'incontro che l'Amministrazione Comunale reggina ha tenuto con le Organizzazioni Sindacali e la RSU, giunto al termine di un lavoro che ci ha visto a confronto con Dirigenti comunali e con l'Assessore al Personale e Vice Sindaco, Saverio Anghelone. In tale incontro, abbiamo riproposto quanto già richiesto all'allora candidato Sindaco del Comune di Reggio Calabria, Giuseppe Falcomatà, ponendo l'accento su quelle che ritenevamo, e continuiamo a ritenere, le principali priorità: stabilizzazione dei lavoratori LSU e LPU, risoluzione della vertenza PEO con il ritiro immediato dei provvedimenti adottati in sede amministrativa e giudiziaria dalla passata gestione commissariale, ripristino e avvio delle normali relazioni sindacali e applicazione delle vigenti norme contrattuali.

                In questi ultimi giorni avevamo chiesto con insistenza all’Amministrazione Comunale che si agisse con la massima celerità per la trasmissione della documentazione dovuta e necessaria alle procedure di stabilizzazione degli LSU/LPU e prendiamo atto con soddisfazione che sono stati adottati i primi atti, indispensabili e essenziali, per poter dare un giusto riconoscimento e la tranquillità dovuta a chi ha lavorato e continua oggi a lavorare con competenza, professionalità e serietà in ruoli e servizi essenziali per il buon funzionamento della complessa macchina burocratica comunale e farli transitare, con i dovuti passaggi burocratici e contrattuali, stabilmente alle dipendenze dell'Amministrazione Comunale di Reggio Calabria.

                Abbiamo anche posto la questione del rispetto delle norme previste dal Decreto “Salva – Roma” e, quindi, la cancellazione definitiva dell'aberrante procedura di trattenuta ai lavoratori di somme percepite, liquidate legittimamente negli anni trascorsi ai dipendenti comunali, cosa oramai chiarissimamente in contrasto e in violazione delle norme contrattuali, delle circolari applicative e della legge stessa. A questo punto, occorre, però, da parte dell’Amministrazione Comunale un provvedimento amministrativo urgente e incondizionato per porre fine alla causa pendente presso il Giudice del Lavoro e, nello stesso tempo, inibire gli effetti e la validità delle lettere di messa in mora notificate ai dipendenti comunali.

              

               Le posizioni espresse dal Sindaco di Reggio Calabria, Giuseppe Falcomatà, a conclusione della riunione del 2 dicembre scorso, sono confortanti e di buon auspicio per tutti i dipendenti. Revocare la deliberazione comunale incriminata sarebbe un atto di giustizia e lealtà verso i dipendenti comunali, ingiustamente angariati da decisioni molto criticabili. È opportuno e rispettoso della legge troncare le iniziative amministrative e giudiziarie riguardo alla PEO. Tali problematiche contrattuali, costituiscono un serio problema sulla strada della pacificazione interna, anche in prospettiva della sottoscrizione dei contratti integrativi che languono da tempo e che devono essere ancora definiti nella loro interezza ed applicati, per potere utilmente, alla fine, predisporre e redigere insieme un piano preventivo e lungimirante di produttività collettiva e individuale per una migliore utilizzazione del personale comunale, finendola con la litania dei contratti integrativi firmati sempre a tempo abbondantemente scaduto, in contrasto con le norme contrattuali e con la normativa nazionale.

                Per questi motivi espressi, e come apertura di credito a un’Amministrazione Comunale che, dai primi atti, sembra voler operare per una concreta soluzione dei problemi fondamentali pendenti, abbiamo dato un parere positivo a un atto unilaterale che consenta di retribuire i lavoratori per le indennità previste dalle vigenti norme contrattuali entro il mese di dicembre di quest'anno. Ci sembra giusto che i dipendenti, dopo troppo tempo in cui sono stati fatti oggetto di propaganda e di azioni negative, possano passare le feste di fine anno un po' meglio di quelle precedenti.

                Continueremo, come SUL, a vigilare e a chiedere all'Amministrazione Comunale chiarezza e trasparenza anche sui deliberati adottati dalla precedente gestione commissariale. Ad esempio, continuiamo a essere del parere che gli incarichi di Alta Professionalità siano stati assegnati e attribuiti a pochi dipendenti comunali e nel momento peggiore (quello del fuoco della battaglia PEO) ed anche, per larga parte, in maniera impropria. Ci impegniamo a proseguire la battaglia anche perché le posizioni apicali siano di vera utilità per il Comune di Reggio e non siano soggette a logiche che avversiamo e non intendiamo avallare.

           Di tutto quanto sopra esposto, della contrattazione integrativa trascorsa, dell'impostazione di quella futura e della correzione degli errori accumulati nel tempo, ci sarà modo e tempo di discutere e di confrontarsi reciprocamente. Noi SUL, auspichiamo che lo stile e la tendenza di quest’Amministrazione continui a essere in sintonia con le prime decisioni assunte. Comunque, il SUL continuerà ad affrontare le problematiche contrattuali che ci sono sul tappeto con la sola logica di difesa dei diritti dei lavoratori.

Reggio Calabria, lì 04/12/2014

p. RSU SUL                                                                                                                        P. Coordinamento Provinciale SUL

Nino Lopresto

Gianni Mauro

Consolato Rieto                                                                                                                                      Aldo Libri