Direttore: Aldo Varano    

RC. Sosta di speranza”. La Chiesa di Reggio sostiene le donne disoccupate e vittime di violenza

RC. Sosta di speranza”. La Chiesa di Reggio sostiene le donne disoccupate e vittime di violenza
ReP
 

La Caritas diocesana di Reggio Calabria, dopo un'attenta analisi dei bisogni presenti sul territorio, attraverso i Centri di Ascolto, ha ritenuto necessario pensare ad un progetto Otto per Mille Caritas Italiana che potesse dare una risposta concreta ad alcune necessità emergenti.
Tra queste, la condizione di molte badanti che si ritrovano da un momento all'altro senza più un lavoro (a causa della morte dell'anziano/a assistito) e un posto dove poter dormire. Ed anche donne che subiscono violenze domestiche e che trovano il coraggio di ribellarsi. Oltre alla problematica del disagio provato per queste condizioni, le donne si scontrano con la difficoltà di poter trovare un posto dove trascorrere la notte; ed è proprio confrontandosi con queste situazioni che nasce l'idea di offrire, e con essa il Progetto “Sosta di Speranza”, un sostegno tangibile e innovativo che impedisca a queste persone di intraprendere, per evidenti difficoltà, percorsi sbagliati o rimanere vittime di violenze e soprusi.
Il progetto "Sosta di Speranza" è un servizio a bassa soglia che si propone di offrire a queste donne un'accoglienza temporanea ed esclusivamente notturna con un numero di 4 posti letto per un massimo di quindici giorni.
L'ammissione all'accoglienza è disposta dietro attenta valutazione della situazione di disagio presentata dalla donna da parte dei Referenti dei Centri di Ascolto Migrantes "Mons. Scalabrini e "Mons. Italo Calabrò" di Archi e dalla Responsabile di Casa accoglienza - Centro Castellini - CAV Casa Angela Morabito facenti parte della Comunità di Accoglienza ONLUS, che operano in rete.
I locali adibiti all'accoglienza sono siti in Via Galileo Ferraris, n° 3 - Reggio Calabria e l'ingresso sarà consentito dalle ore 17.00 (periodo invernale) 18.00 (periodo estivo) alle 20.00 e l'uscita dovrà avvenire entro le ore 9.00 del giorno successivo.
E' consentita la preparazione e la consumazione della cena e della prima colazione con l'utilizzo degli spazi attrezzati. Saranno tuttavia forniti dalla Casa i viveri necessari per la preparazione dei suddetti pasti.
Ciascuna ospite sarà tenuta alla pulizia e all'ordine degli ambienti utilizzati.