Direttore: Aldo Varano    

S.S.106, Pugliese su lavori sul ponte Molinello a Cariati

S.S.106, Pugliese su lavori sul ponte Molinello a Cariati

ReP

Negli ultimi due giorni sul Ponte Molinello di Cariati sulla S.S.106 abbiamo registrato due azioni importanti: l’interrogazione parlamentare depositata dall’On. Nazzareno Pilozzi e la nota inviata alla Direzione Generale di Anas Spa da parte dell’Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106”. Entrambe le iniziative mirano sostanzialmente a richiedere al Ministero alle Infrastrutture ed ai vertici di Anas Spa l’inizio urgente dei lavori.

Sulla vicenda il presidente dell’Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106” Fabio Pugliese interviene dichiarando che «l’Associazione che ho l’onore di presiedere non è disponibile ad occupare, nel teatro del territorio, il loggione dell’indifferenza perché quello è un posto che lasciamo volentieri ad altri». Appare visibilmente seccato Pugliese ma anche molto determinato quanto afferma che «è importante che non si ripeti la solita storia! Quella che vede puntualmente l’Anas Spa iniziare i lavori sulla S.S.106 nei mesi estivi, ovvero, quando creano i maggiori disagi non solo ai cittadini residenti ma anche e, soprattutto, ai turisti. Lavori peraltro di cui si determina la necessità e l’urgenza svariati mesi prima».

«Non credo – continua Pugliese – che la mancanza di unità in un territorio sia utile al superamento dei problemi ma non posso non far rilevare quanto siano pericolosissime le indifferenze (sono diverse), legate al Ponte Molinello dalle diverse e svariate istituzioni che avrebbero dovuto esercitare un ruolo più consono ed opportuno ed hanno preferito sottrarsi a questo dovere. Così come, guardando a chi invece non è stato indifferente scegliendo liberamente e, quindi, legittimante di criticare per il gusto di criticare, sono convinto che la libertà vera ha un intrinseco contenuto di moralità, irrinunciabile».

«Così come non credo – conclude Pugliese – che il Ponte Molinello debba essere messo in sicurezza solo perché altrimenti rischia di crollare perché penso che prioritariamente quel ponte debba, ancor prima, essere messo in sicurezza per onorare la memoria di quanti in quel luogo hanno perso la vita! E non credo, inoltre, che il progresso e la modernità avvenga senza avere dei disagi. Certo, è importante limitarli il più possibile, i disagi! Per questa ragione la nostra Associazione, già dalle prossime settimane, farà il possibile e l’impossibile se non avrà riscontri concreti circa l’intenzione di Anas Spa di iniziare e concludere prima dell’Estate i lavori sul Ponte Molinello a Cariati».