Direttore: Aldo Varano    

REGGIO. Imbalzano (NCD): "sull'ex-Omeca si convochi a breve consiglio comunale"

REGGIO. Imbalzano (NCD): "sull'ex-Omeca si convochi a breve consiglio comunale"

ReP

“Nonostante il primato in termini di produttività raggiunto nel 2014 dallo stabilimento OMECA di Reggio Calabria rispetto agli altri siti del gruppo Ansaldo Breda e malgrado il rispetto puntuale di tutti i programmi di consegna, a testimonianza dell’eccezionale livello di competenze, di professionalità e di impegno delle maestranze reggine, il Management della Capogruppo Finmeccanica prosegue imperterrito nel processo di dismissione del settore di materiale ferroviario rotabile, autorizzando l’A.D. Mauro Moretti a proseguire il negoziato, già avviato, con il colosso giapponese dell’Hitachi, auspicandone anzi una conclusione favorevole”.

E’ quanto afferma il Capogruppo NCD in Consiglio Comunale Pasquale Imbalzano.

               “Eppure il premier Renzi, nel corso delle recente e breve visita nella nostra città, aveva fornito assicurazioni circa l’inserimento della fabbrica di Torre Lupo in un piano, a tutt’oggi peraltro sconosciuto, che dovrebbe salvaguardare l’interesse del Paese in questo comparto che tutti i Paesi più avanzati, Europei e non, considerano ancora altamente strategico”, continua Imbalzano.

                “La brusca accellerazione alla trattativa, in una fase in cui il gruppo Ansaldo Breda detiene un imponente carnet di commesse, arricchito di recente dalla nuova mega fornitura per 250 milioni di treni destinato alla nuova linea della Metropolitana milanese, suscita notevoli perplessità sul futuro del nostro stabilimento, dei 600 lavoratori occupati e delle loro famiglie, in quanto non è allo stato ipotizzabile il ruolo che avranno le Omeca all’interno dell’organizzazione produttiva della galassia Hitachi e le ricadute sul personale attualmente occupato”, aggiunge il Capogruppo Pasquale Imbalzano.

                “Attesa la straordinaria importanza che lo storico stabilimento reggino, tenacemente difeso in questi decenni dai periodici tentativi di ridimensionamento, riveste per l’economia reggina e considerato che la trattativa entrerà a breve nella fase cruciale, CHIEDIAMO LA TEMPESTIVA CONVOCAZIONE DI UN CONSIGLIO COMUNALE “ad hoc”, aperto al contributo delle rappresentanze sindacali di categoria ed aziendali, invitando il Top Management di Finmeccanica ad un confronto che a questo punto si rende del tutto ineludibile, con l’obiettivo di chiarire fino in fondo ruolo e prospettive di una realtà che è stata e deve rimanere uno dei fiori all’occhiello della città”, conclude Pasquale Imbalzano.