Direttore: Aldo Varano    

Caso Maggioli e Tares: Miceli (M5S) a De Rango (Pd): ecco come stanno le cose

Caso Maggioli e Tares: Miceli (M5S) a De Rango (Pd): ecco come stanno le cose
ReP

Con stupore abbiamo letto le parole del consigliere De Rango, che vorrebbe addebitare la disastrosa gestione delle casse comunali al Commissario Prefettizio, in carica soltanto per un anno. È evidente che il PD ancora non ha compreso le motivazioni dei cittadini rendesi che a maggio 2014 hanno espresso chiaramente il loro malcontento verso “l’azione amministrativa dissennata” di cui parlava il Gip Sabatini (quando ancora il commissario non c’era) operata dalle ultime giunte di centrosinistra.
Restano le ferite aperte, causate dalle amministrazioni targate PD, che abbiamo letto negli ampi stralci della relazione della Commissione d'accesso antimafia pubblicati sui giornali lo scorso anno. Come pure ricordiamo le parole dell'ultimo sindaco del PD, Vittorio Cavalcanti, che nell'intervista in cui annunciava le sue dimissioni parlava di un Comune in cui le buone pratiche amministrative avevano lasciato spazio al "disordine amministrativo" e alla "discrezionalità".
Ma è tempo anche per la nuova amministrazione di centrodestra di abbandonare il solito alibi: “è colpa di chi amministrava precedentemente” e cominciare a cambiare realmente le cose.
La questione che avevamo posto, quella su cui il consigliere di minoranza De Rango si è sentito chiamato in causa, è emblematica di quanto abbiamo appena scritto. Era la giunta Bernaudo, infatti, che approvava l’affidamento della riscossione tributi ad una ditta esterna (la Maggioli), con un aggio spropositato pari al 33,5%: un terzo di quanto recuperato dalle tasse dei rendesi andava (e con l’ultima proroga di dicembre, andrà ancora) a questa ditta. Il contratto è scaduto il primo marzo 2014 (e all’art.3 della delibera di giunta n.49 del 14/03/2008 si esclude il rinnovo). Il commissario ha deciso la prima proroga fino a dicembre 2014. Quest’estate, un’importante componente della maggioranza di governo della città, il Nuovo Centro Destra, chiedeva che fosse la Rende Servizi ad occuparsi della riscossione dei tributi, affrancando le casse comunali da quella esorbitante quota trattenuta dalla società esterna. A dicembre stesso, con la maggioranza di centrodestra ormai ben salda al comando, spunta fuori una seconda proroga fino a giugno 2015.
Come Movimento 5 Stelle abbiamo deciso di evidenziare il caso, combattere contro le esternalizzazioni dispendiose e voler, testardamente, far risparmiare i soldi dei cittadini che, a causa della cattiva amministrazione, hanno subito aumenti fino al 300% sulle tasse pagate.
È curioso che, solo dopo il nostro intervento, già si parli del nuovo bando, con un aggio che dovrebbe essere inferiore al 15%. Quindi si poteva operare con una percentuale nettamente inferiore anche prima? Evidentemente sì, ma non si è fatto. Con buona pace dei soldi dei rendesi già sprecati.
Sul resto, le chiacchiere stanno a zero: siamo tartassati e le colpe sono ben note, e questi scaricabarile o questo volersi tirare fuori dalle responsabilità hanno abbondantemente stancato.

Gruppo consiliare Movimento 5 Stelle Rende