Direttore: Aldo Varano    

REGGIO. Cardiochirurgia, Nesci (M5s) attacca Quattrone e chiede intervento di Fatarella

REGGIO. Cardiochirurgia, Nesci (M5s) attacca Quattrone e chiede intervento di Fatarella
 

ReP

«Contro tutte le indicazioni dei ministeri vigilanti, il commissario Massimo Scura  ha imposto la terza Cardiochirurgia in Calabria, così salvando quella dell'Università di Catanzaro, priva dei requisiti di legge fondamentali». Lo dichiara la deputata M5s Dalila Nesci, a proposito degli accordi raggiunti per l'attivazione della Cardiochirurgia pubblica di Reggio Calabria, su cui la parlamentare accusa infuriata: «Era già stabilito che l'Università di Catanzaro mettesse il cappello sulla Cardiochirurgia reggina, nonostante il teatrino sulla titolarità delle scelte. Non c'era una sola ragione per cui a deciderne le modalità di attivazione dovesse essere il rettore dell'ateneo, Aldo Quattrone». «I soliti potentati accademici – prosegue la parlamentare – hanno approfittato del continuo sbandamento del governatore regionale, Mario Oliverio, per sottrarre la gestione della Cardiochirurgia all'Azienda ospedaliera di Reggio Calabria; complice il suo commissario, Frank Benedetto, che partito incendiario è tornato pompiere, accettando muto questa imposizione penalizzante». «Ancora una volta – rimarca la parlamentare M5s – il rettore dell'Università di Catanzaro si dimostra il vero padrone della sanità calabrese, dopo la vicenda della mancata intesa con la Regione Calabria per l'ospedale Mater Domini, che garantisce all'ateneo un bonus abusivo di 12 milioni all'anno e su cui pende un esposto del Movimento 5 stelle». «A questo punto – conclude Nesci – Benedetto rassegni subito le dimissioni, in quanto partecipe dell'assalto di Quattrone all'Azienda ospedaliera reggina. Con l'aiuto di Scura, da qui in avanti il rettore potrà dedicarsi alla conquista dell'ospedale Pugliese di Catanzaro. L'unica speranza è che Riccardo Fatarella, nuovo dg del dipartimento regionale Tutela della Salute, ristabilisca l'ordine delle cose. Come sempre, interesseremo il parlamento e la procura».